Ventura: “Toro, stiamo lavorando per diventare una grande squadra”

0
91

È al suo quinto anno di Toro, e ha voglia di raggiungere traguardi sempre più importanti. Giampiero Ventura parte però da lontano: “Credo che in questi 4 anni abbiamo fatto qualcosa di importante. Eravamo in Serie B e in un bago di depressione, ora siamo in A in uno di entusiasmo. Siamo usciti dall’Europa League per poco, e con rammarico, perché quel gol a Palermo che ci è stato annullato per me era pulitissimo“.

 

Sul piano della programmazione, ora, noi andiamo avanti anno dopo anno. C’è la volontà di ritagliarci uno spazio sempre più in alto, con la volontà di raggiungere risultati sia sportivi, sia economici: da Ogbonna in poi, e forse adesso Darmian, abbiamo fatto molto. Darmian via per 20 milioni? Spero che la prossima sia a questo punto superiore (ride, ndr)!“.
 
 
Sul terzino: “Abbiamo lavorato 4 anni insieme, e su di lui. La sua umiltà deve essere premiata: è giusto che abbia la possibiltà di fare la Champions. Non dico di giocare in una grande squadra, perché il Toro sta lavorando per fare in modo che sia una grande squadra. Come in tutte le squadre ci può stare che un giocatore sia ceduto, ma bisogna poi programmare e sostituirlo bene, con giocatori in prospettiva ancora più forti. La programmazione è questa“.
 
 
Infine, ai microfoni di Sky, qualche battuta anche sul mercato: “Siamo sulla buona strada per come stiamo lavorando, aspettiamo a parlare dei nomi. Brava la società, ripeto: si è comportata bene, secondo me. Finito un ciclo? Ora si riparte con la stessa voglia, e con qualche consapevolezza in più: il Toro non spera più di fare il risultato, vuole farlo. Dobbiamo andare a prendere giocatori giovani e di potenzialità, e se riesci a lavorare con profili così, con massima disponibiità, è evidente che riesci a centrare obiettivi sportivi e economici. Io non voglio andare in Europa col Toro, voglio giocarmela tutti gli anni: questo è l’obiettivo che la società si deve porre, e sulla quale stiamo lavorando“.
 
 
Il video del raduno:
 
 

 

 

 

Condividi