Bormio, allenamento concluso

0
62

Ha preso il via da pochi istanti il secondo allenamento giornaliero del Toro. Qui nel centro sportivo di Bormio la squadra di Ventura ha da poco iniziato il riscaldamento. Oggi è stato il primo giorno di lavoro per gli ultimi rientrati, Padelli e Maksimovic, mentre Glik aveva partecipato già alla seduta di ieri mattina in Sisport, prima che la squadra granata partisse alla volta della Valtellina. 

 

Terminato il riscaldamento, la squadra è stata divisa in due gruppi e sta sostenendo una partitella di pallamano in campo ristretto. Sugli spalti una cinquantina di tifosi. Intanto Ventura segue attentamente i portieri che stanno lavorando a parte.

 

Terminata la partitella di pallamano il Toro adesso si allena con il pallone: classico esercizio con i cinesini. 

I portieri, nel frattempo, continuano a lavorare con il preparatore. Fra poco la classica partitella a campo ridotto: Ventura sta distribuendo le pettorine ai suoi giocatori e nel frattempo sta spiegando quello che vuole vedere nei prossimi minuti. 

 

Per quanto riguarda l’attacco, lo schieramento in campo prevede le coppie Quagliarella-Maxi Lopez da una parte; Amauri-Morra dall’altra. Carte invece piuttosto sparigliate per quanto riguarda il resto delle due formazioni.

 

Continua la partitella, Ventura chiede di tenere i ritmi alti e sovete interrompe i lavori per dare consigli tattici ai giocatori, soprattutto per la fase offensiva.

 

Dopo una breve pausa, i due schieramenti invertono il campo. La parittella continua ora a ritmi piuttosto alti, secondo le direttive di Ventura. Si allena a parte, oltre ai portieri, Graziano.

 

Terminata la partitella, i giocatori si tolgono le pettorine, Ventura lavora con il gruppo ora al completo.

 

Ora, terminata la partitella, il gruppo si divide in due gruppi. In una delle metà campo Sullo lavora sulla difesa, in particolare sul giropalla, dall’altra parte invece Ventura lavora sull’attacco. 

 

Si continua a lavorare sulla tattica, ma Ventura cambia alcuni giocatori: i terzini e i centrocampisti che prima facevano la fase difensiva, ora sono passati a quella offensiva, e viceversa. Il tecnico assiste sempre il lavoro degli attaccanti, mentre i difensori lavorano sotto gli occhi vigili di Sullo.

 

La difesa è andata ora in palestra, l’attacco invece continua a lavorare. Ora anche il resto del gruppo si è unito agli altri in palestra. 

 

I giocatori escono dalla palestra e si recano negli spogliatoi. L’allenamento può dirsi terminato.

 

 

 

 

Condividi