Toro: Zappacosta pronto all’esordio da titolare

0
200

Circa due settimane di allenamento agli ordini di Ventura e quarantacinque minuti in campo con i nuovi compagni nell’amichevole contro il Renate. È questo finora il bilancio dell’avventura in granata di Davide Zappacosta, il terzino acquistato per il difficile compito di sostituire Matteo Darmian.

 

Se nell’ultima amichevole giocata dal Torino il numero 7 (questo quello scelto da Zappacosta nella sua prima uscita) è partito dalla panchina, scendendo in campo nella ripresa, questa sera contro il Rennes potrebbe fare il proprio debutto da titolare. Negli ultimi allenamenti Zappacosta ha potuto provare e riprovare i movimenti che Ventura richiede a chi occupa la posizione di terzino destro, riuscendo a integrarsi sempre di più negli schemi del suo nuovo allenatore. Se questa sera su una fascia dovrebbe giocare dal primo minuto l’ex atalantino (con Peres pronto a dargli il cambio nel secondo tempo) sull’altra si alterneranno Molinaro e Avelar. Capitan Glik comanderà invece come al solito la retroguardia con Moretti che agirà alla sua sinistra e Bovo e Maksimovic che si alterneranno sulla destra. Nella ripresa probabile anche l’ingresso in campo del Primavera Mantovani che, a Bormio prima e a Chatillon poi, ha impressionato in positivo. Tra i pali si alterneranno invece Padelli e Ichazo. Gli altri due portieri presenti in ritiro, ovvero Gomis e Castellazzi, sono invece rimasti in Valle d’Aosta. Contro il Rennes avrà la possibilità di riproporsi come mezzala sinistra anche l’altro giocatore acquistato dall’Atalanta: Daniele Baselli. Gli occhi di Ventura e dei dirigenti granata saranno però puntati anche su Stevanovic che, giorno dopo giorno, sta convincendo sempre di più nel ruolo, per lui inedito, di interno di centrocampo, tanto che la sua cessione non è più così scontata come sembrava prima dell’inizio del ritiro.

 

Come per Zappacosta, la partita contro il Rennes sarà anche l’occasione per mettere minuti sulle gambe anche per Josef Martinez. Il venezuelano ha iniziato con qualche giorno di ritardo il ritiro (avendo avuto a disposizione qualche giorno in più di vacanza dopo gli impegni con la propria nazionale in Coppa America) e in campo lo si è visto, proprio come Zappacosta, solamente nei secondi quarantacinque minuti della partita contro il Renate.

Condividi