Hernandez: la trattativa non si sblocca. Il Toro valuta le alternative

0
32

Mancano circa una ventina di giorni all’inizio del nuovo campionato e al Torino serve solamente un giocatore, salvo partenze di qualche big, per completare la propria rosa. Il calciatore in questione è il famoso quinto attaccante che completerebbe il reparto offensivo della squadra di Ventura. Il primo nome sulla lista della società granata è sempre quello di Abel Hernandez, nonostante la resistenza posta dall’Hull City che vorrebbe privarsi dell’uruguaiano solamente per una cifra vicina a quei 12 milioni con i quali lo avevano acquistato lo scorso anno dal Palermo. Il Toro, tramite la mediazione dell’agente del centravanti Pablo Betancourt, sta lavorando per cercare di acquistare Hernandez con la formula del prestito con l’obbligo di riscatto. Un riscatto però legato ad una serie di varianti, come ad esempio le presenze del giocatore.

 

Le difficoltà che Cairo e Petrachi stanno incontrando nella trattativa con l’Hull City, ha indotto i due dirigenti a valutare anche altre opzioni per l’attacco. La rosa dei papabili acquisti, che oltre ad Hernandez comprendeva anche Belotti e Defrel, si è allargata, complici anche il passaggio al Sassuolo del francese e le difficoltà nel convincere il Palermo a cedere il proprio centravanti (nel caso di Belotti la trattativa resta però ancora aperta). È così che nelle ultime ore il Torino ha valutato con sempre maggiore interesse Mattia Destro. Il romanista era stato già seguito nella sessione invernale del calciomercato, ma allora non se ne fece nulla e Destro lasciò la Capitale per trasferirsi temporaneamente al Milan. Ora che è tornato alla Roma la situazione con Garcia non è migliorata di molto e l’attaccante, come a gennaio, è nuovamente in uscita. Su Destro, così come per Hernandez, ha però posato i propri occhi anche il Bologna che, nel pomeriggio di ieri, ha provato ad accelerare la trattativa per accaparrarsi il giallorosso. Cairo e Petrachi continueranno a tenere sott’occhio la situazione, pronti a fare la propria mossa se le trattative per Hernandez o Belotti non dovessero prendere la piega sperata.

Condividi