Toro, Ichazo si prepara per la coppa Italia

0
34

Sta guadagnando sempre più fiducia Salvador Ichazo, e non potrebbe che essere altrimenti. Ventura continua a schierarlo molto spesso in queste amichevoli estive precampionato e, pur non giocando contro Barcellona o Real Madrid, le risposte del portiere sono piuttosto positive. L’intesa con il resto del reparto difensivo, uno degli aspetti più importanti per un estremo difensore, migliora di giorno in giorno e tra poco più di una settimana si farà sul serio. Infatti, complice la squalifica di Daniele Padelli, espulso a gennaio nella partita contro la Lazio, a difendere i pali della porta granata in coppa Italia ci sarà proprio l’uruguayano. Un test importante, anche per valutare la sua tenuta psicologica in una sfida ufficiale: nell’ultima dello scorso campionato contro il Cesena e in queste amichevoli estive, infatti, la tensione è stata completamente diversa.

 

Ma Ichazo ha la voglia e le qualità giuste per mettersi in mostra domenica prossima, quando l’avversario nel terzo turno preliminare sarà la vincente tra Pescara e Sudtirol. Infatti, desidera ripagare gli sforzi economici fatti dal presidente Cairo per riportarlo sotto la Mole dopo il prestito semestrale della passata stagione. Ha rischiato di dover salutare per sempre il Toro, visto che la trattativa è stata tutt’altro che semplice, ma poi l’offerta da oltre un milione presentata dal club di via Arcivescovado ha convinto il Danubio a cedere definitivamente il talentuoso portiere. Il desiderio del numero uno classe ’92 è stato esaudito: più volte ha dichiarato di voler rimanere in granata per crescere e per mettersi in gioco in un campionato difficile come quello italiano.

 

Ancora una settimana di allenamenti in Sisport, oltre al triangolare di martedì prossimo in terra monregalese contro Bra e Virtus Mondovì, prima di collezionare la seconda presenza in gara ufficiale. Il Toro comincia a fare sul serio, Ichazo è pronto a prendersi i pali della porta granata in vista dell’esordio in coppa Italia: domenica prossima, all’Olimpico, non sono concesse distrazioni. 

Condividi