Don Aldo: il ricordo di Franco Ossola

0
53

Mi piace

vederlo accolto da quelli del Grande Torino e, dietro di loro, da tutto il popolo granata che se n’è andato prima di lui: atleti, dirigenti, tifosi, appassionati.

 

Mi piace

immaginare non abbia sofferto, che la morte se lo sia preso in un soffio, proprio come in un lampo rapì quell’intera squadra leggendaria.

 

Mi piace

sapere che ci ha lasciati in un luogo che era suo, dove il suo cuore era leggero, accanto ai ragazzi, tanti ragazzi, e non altrove.

 

Mi piace

dirgli grazie, con la voce che trema, per tutto quello che ci ha donato e a me, in particolare, ha saputo dare ogni volta che ci si incontrava per la nostra passionaccia granata.

 

Mi piace

ricordarlo per le sempre vibranti parole, di monito, se il caso persino di rimbrotto, ma sempre colme di fiduciosa speranza, che pronunciava ogni anno a Superga. Parole che a volte tagliavano l’aria, nella basilica silente, tanto a tratti erano rigide, severe.

 

Mi piace

sentire in questo momento il profondo affetto che il mondo del Toro sta manifestando, con l’incredulità che sovrana aleggia su tutto: ma come è possibile, continuiamo a chiederci.

 

Mi piace

poterlo salutare con tutta la stima e l’affetto che mi ha legato alla sua presenza in tanti anni granata, in particolar modo questi ultimi tanto sofferti per la mia famiglia.

 

Mi piace, poi,

credere che il suo esempio, il suo messaggio di pace e amore, possa continuare a tenerci insieme, noi del Toro, come lui sapeva fare in ogni momento, àncora di salvezza in mille e una occasione. Aldo, non vale tanto, ma alle molte che riceverai accogli anche la mia preghiera, ciao e salutameli tutti.

Condividi