Baselli-Acquah: il Toro ritrova i gol dei centrocampisti

0
63

Daniele Baselli prima, Afriyie Acquah dopo. Così come nel primo tempo della partita contro il Pescara, anche nella seconda frazione di gioco contro il Verona il Toro si è aggrappato ai gol dei due mediani, rimontando l’iniziale svantaggio.

 

Con il gol di ieri, Baselli è salito a quota quattro reti realizzate, in altrettante partite, da quando indossa la maglia granata, superando così in soli trecentosessanta minuti il numero di realizzazioni complessive dei suoi primi quattro anni da calciatore professionista. Con la maglia del Cittadella, nelle cinquantatre partite giocate tra campionato e Coppa Italia, Baselli aveva potuto festeggiare per un proprio gol solamente in un’occasione. Nel due anni successivi con la maglia dell’Atalanta sono invece stati due i gol realizzati in totale dal centrocampisti, suddivisi tra le ultime due giornate di campionato. Il che significa che il mediano va a segno consecutivamente da sei partite ufficiali: numeri più da centravanti che da mezzala. Se in questi primi mesi di Toro Baselli è riuscito a migliorare il proprio rapporto con il gol lo stesso si può dire di Acquah. Sono due i gol finora realizzati dal ghanese con la maglia granata, esattamente lo stesso numero di quelli segnati nei suoi primi quattro anni e mezzi di serie A vissuti con le maglie di Palermo, Parma e Sampdoria.

 

Il dato che può far guardare i tifosi al futuro con maggior fiducia è per un altro ancora. In queste prime quattro partite giocate dal Torino sono arrivati ben sei gol da parte dei centrocampisti. Lo scorso anno, tra campionato, Coppa Italia e Europa Leauge l’apporto dei mediani in fase realizzativa era stato di appena nove centri: quattro di El Kaddouri (il primo nell’1-0 contro lo Spalato, il secondo nell’1-3 al Bentegodi contro il Verona, il terzo nell’1-1 casalingo contro il Cagliari e l’ultimo nel 5-1 con cui il Genoa si sbarazzò al Ferraris della banda granata), tre di Benassi (due al Cesena tra andata e ritorno e uno al Friuli contro l’Udinese), uno di Farnerud (nella sconfitta per 2-1 contro la Lazio all’Olimpico di Roma) e uno di Vives (nell’1-1 in casa della Fiorentina). Per le scalata verso le prime posizioni della classifica, quelle che permettono di qualificarsi alle coppe europee, le statistiche dicono che sono fondamentali proprio i gol dei centrocampisti. Non è un caso che due stagioni fa, oltre al grande contributo in termini di marcature dato dalla coppia Cerci-Immobile, il Torino aveva potuto contare anche sulle sedici reti complessive messe a segno dai vari mediani e mezzale, da El Kaddouri a Kurtic, passando anche per Vives, Brighi, Bellomo, Farnerud e Tachtsidis. Se nello scorso campionato, quando gli attaccanti non riuscivano a segnare si è spesso fatto carico Glik dell’impegno di far esultare i tifosi, le prime partite di questa nuova stagione dicono che il Toro ha ritrovato anche i gol dei propri centrocampisti.

 

 Clicca qui per vedere gli highlights della partita!

 



Condividi