Serie A: la quarta giornata per Delio Rossi è già da dentro o fuori

0
54

Si aprirà oggi, con l’anticipo delle 18 tra Udinese e Empoli, la quarta giornata di campionato. Seppur la serie A sia cominciata da appena duecentosettanta minuti, in casa Bologna l’atmosfera è già rovente: dopo le prime tre sconfitte in altrettante partita la panchina di Delio Rossi è infatti a rischio. Un ulteriore risultato negativo, nel match di domani contro il Frosinone, potrebbe far propendere la dirigenza rossoblù ad un cambio nella guida tecnica della squadra. In settimana si sono inoltre già registrati alcuni contatti con altri allenatori, tra i quali spicca Roberto Donadoni.

 

In questa quarta giornata è chiamato a dare risposte positive, dopo la sconfitta nel derby, anche il Milan. La squadra di Mihajlovic sarà impegnata questa sera nel posticipo delle 20.45 contro il Palermo. L’Inter, che vuole proseguire la striscia di vittorie che l’ha portata da sola in vetta alla classifica, sarà invece di scena domani alle 12.30 in casa del Chievo Verona. Alle 15 di domenica spicca la particolare sfida tra le città di Torino e Genova. Nel capoluogo piemontese andrà in scena Toro-Sampdoria, in quello ligure Genoa-Juventus, con i bianconeri ancora a caccia della prima vittoria in campionato. Chiudono il programma del pomeriggio Roma-Sassuolo e Atalanta-Verona. Alle 18 scenderà poi in campo la Fiorentina, che sarà impegnata sul campo del Carpi. La squadra di Castori sette giorni fa è riuscita a conquistare il suo primo storico punto in serie A fermando sul 2-2 il Palermo. Ora è caccia anche della prima vittoria, magari proprio davanti ai suoi tifosi. Alle 20.45 chiude la giornata il big-match tra Napoli e Lazio. Lo scorso giugno la gara del San Paolo tra queste due formazioni era stata una sorta di finale, con i biancocelesti che vincendo hanno potuto staccare il pass per i preliminari di Champions League. Il Napoli, ancora a secco di vittorie in campionato, cercherà ora di vendicare quella partita e quell’ormai celeberrimo rigore fallito da Higuain.

Condividi