Toro secondo dopo quattro giornate: mai accaduto nell’era dei tre punti

0
64

Non era mai accaduto. Questo Toro che continua a incantare, continua anche a sfatare dei piccoli tabù, scrollandosi di dosso quelle decennali paure che facevano del Toro un torello e di una squadra davvero arrembante un collettivo spesso impaurito della sua stessa ombra. Al di là della vittoria netta contro la Sampdoria, a emergere è un dato che renderà in un certo senso storica la gara di ieri. Da quando, infatti, in Serie A sono stati introdotti i tre punti per vittoria (stagione 1994/1995), il Toro mai era stato secondo in classifica – e per di più in solitaria –  alla quarta giornata di campioanto. Quando, cioè, la graduatoria comincia a definirsi e inizia a emergere, non più tanto timidamente, il valore di questa o di quella squadra.

 

Mai, appunto, era capitato. E va anche detto che proprio da quegli anni cominciò il periodo nero del Toro, dal quale, nemmeno poco faticosamente, i granata stanno cercando di uscire ora. Nemmeno l’anno con Camolese, il primo di Cimminelli nella massima serie, il Torino che arrivò poi in Intertoto riuscì a fare bene: soltanto due punti in 4 partite, e la paura di doversi guardare alle spalle, piuttosto che pensare alla cima della classifica. Il Toro torna insomma a vincere e a convincere, e se con Cerci e Immobile, nell'”anno d’oro” dell’Europa League, i granata avevano collezionato 7 punti, ora, con 10, possono dire di aver riallacciato un discorso che si era interrotto oltre vent’anni fa.

 

Dalla stagione 1992/1993, precisamente, quando cioè, sotto al solo Milan a quota 8 (quindi a punteggio pieno), il Toro di Mondonico (che vantava in rosa giocatori come Casagrande, Aguilera, i giovani Vieri e Marchegiani) aveva collezionato sei punti. L’anno dopo, poi, i granata saranno addirittura primi ex aequo con i rossoneri, a 7 punti. Un altro periodo, un altro calcio, un’altra Serie A ma, chissà, forse un Toro non così diverso. Magari, anzi, con qualche prospettiva in più, se si guarda con il “senno del poi”. Intanto, per almeno due giorni, Glik e compagni si godono una posizione che forse non si aspettavano. Ma che si sono meritato fino all’ultimo punto.

 

 

 

Clicca qui per vedere gli highlights della partita!

 



Condividi