Toro, quanti errori con il Carpi: i numeri condannano i granata

0
49

Questa volta la calma e l’attendismo non hanno pagato. Contro un Carpi che era da aggredire, e non da aspettare, il Torino esce sconfitto, avendo creato poco e concretizzato ancora meno rispetto alla squadra di Sannino che getta il cuore oltre l’ostacolo e riesce a portare a casa i suoi primi tre punti in Serie A.

 

Anche i numeri (dati European broadcast development) parlano chiaro: con il 59% del possesso palla, i granata hanno cercato di addormentare la partita in attesa di trovare il momento giusto per sfondare. Momento che raramente è arrivato, per quanto la squadra di Ventura abbia creato un totale di 9 occasioni da gol contro le 6 carpigiane. Ma i tiri in porta, invece, sono a favore dei padroni di casa (4 contro 3) e denotano come il cinismo di Borriello e compagni abbia fatto la diferenza.

 

Il Toro conferma la giornata no anche nel computo dei falli commessi e delle palle perse: ben 17 i primi (a differenza dei 9 emiliani) e ben 24 le seconde (Zappacosta è quello che ha sbagliato di più con 5 palloni sciupati), più 2 rispetto a quelle dei padroni di casa. Soprattutto questo dato fa riflettere: raramente il Toro di Ventura si è dimostrato impreciso nei passaggi, nascondendo anzi spesso il pallone agli avversari. E le 32 azioni manovrate, 14 in più rispetto a quelle del Carpi, dimostrano solo come, questa volta, i granata abbiano faticato oltremodo nel trovare lo spazio e i tempi giusti per affondare.

 

Sostanzialmente, una sconfitta meritata per la squadra di Ventura, che adesso deve riuscire a ripartire voltando pagina. Facendo sì che, quello di Modena, sia stato soltanto un incidente di percorso.

 

Clicca qui per gli highlights della partita:

 

 

 



Condividi