Prcic: “Perché ho scelto il Toro? Grande club con una grande storia”

0
29

Dopo l’amichevole contro la Luese è Sanjin Prcic a parlare ai giornalisti presenti: “Sto molto bene, sono fiero di essere qui, di essere un giocatore del Toro”. 
Sull’amichevole: “Buone sensazioni a livello personale e buon test per la squadra. Vorrei salutare i tifosi del Toro e ringraziare il presidente, il direttore sportivo e tutto lo staff per la fiducia nei miei confronti. Se il mister avrà bisogno di me mi troverà pronto, queste gare mi sono utili per trovare la forma”.

 

“Sono qui per imparare, è un calcio molto differente da quello che si gioca in Francia, in Italia è più tattico. Quando sono arrivato avevo qualche problemino fisico ma ora sto bene: se il mister avrà bisogno di me io farò di tutto per farmi trovare pronto. Mi ha parlato di questo campionato Pjanic, visto che lui gioca in Italia e ha affrontato anche il Torino più di una volta in campionato. Certamente la Roma ha tanti ottimi giocatori ma credo il Toro sia molto competitivo, si è visto anche in queste prime partite”.

Arrivato in granata per fare il regista, Prcic in amichevole ha giocato anche da interno di centrocampo:“Mi sento più a mio agio come metodista davanti alla difesa, ma posso giocare anche in altri ruoli. Non mi ispiro a nessuno in particolare, ma mi piace Verratti. Il mio pensiero è solo sul Torino al momento, voglio fare bene qui”. 

 

Sul Torino: “Questo club mi ha subito fatto un’ottima impressione, lavora bene e credo possa raggiungere obiettivi molto importanti. La scelta del numero 23? No, nessuna motivazione particolare”. Tante squadre avevano cercato Prcic in estate:“Perché il Toro? Perché ha una grande storia, ha giocato l’Europa, ha dato tanti giocatori alla Nazionale, sono molto contento della mia scelta”.

 

Sull’affiatamento con i compagni: “Ho legato subito con tutti i compagni, in particolare con Nikola Maksimovic”. 
Su Ventura: “Ho avuto modo di confrontarmi con lui quando sono arrivato, mi ha detto quello che cerca in un giocatore, sono contento della fiducia che ha in me, anche perché è anche grazie a lui che sono arrivato qui al Toro”.  

Condividi