Toro-Milan, Molinaro sfida Cerci

0
38

Mancano poche ora al ritorno del Toro all’Olimpico dopo a pausa delle Nazionali. Un Toro in emergenza, con la panchina ridottissima dai tanti infortuni ma che ritrova una pedina importante come Molinaro, che rientra proprio questa sera dalla squalifica rimediata contro il Palermo. Un Molinaro sempre più padrone della fascia sinistra, complice anche l’infortunio di Avelar che si troverà di fronte un altro giocatore che all’Olimpico ha lasciato un segno indelebile: Alessio Cerci. Il rossonero ha l’occasione questa sera di mettersi in mostra sfruttando il cambio di Modulo del tecnico e le assenze dei compagni, con l’obiettivo di ritagliarsi quello spazio che fin ora, in casa Milan, non è riuscito a trovare.
Sono dunque proprio Molinaro e Cerci i protagonisti del duello che Toro.it propone questa settimana.

 

Christian Molinaro. Scontata la squalifica dovuta al cartellino rosso rimediato durante il match contro il Palermo, tra poche ore il terzino granata avrà l’ennesima occasione per mettersi in mostra davanti al pubblico di casa. Se infatti è vero che per Ventura le scelte, visti i tanti infortuni, sono obbligate, almeno sulla fascia sinistra il titolare è assicurato. Le prestazioni positive collezionate in questo inizio campionato, complice anche l’assenza di Avelar, hanno convinto il mister che anche questa sera potrà contare sull’apporto del terzino. Un giocatore che, nonostante un’età non più giovanissima, di certo in campo non si risparmia: grinta e tenacia non gli mancano e nelle partite fin qui giocate si è sempre fatto trovare pronto.  Risultato spesso fondamentale tanto in fase difensiva che in fase di impostazione, Molinaro è sicuramente una delle pedine con più esperienza nel Toro di oggi. Senza contare che molte delle azioni migliori dei granata sono partite proprio da lui, cosa che ne fa un punto di riferimento importante per mister e compagni. Questa sera, tuttavia, il suo compito non sarà di certo semplice. Davanti infatti si troverà un avversario a dir poco ostico: quello stesso Alessio Cerci che di certo non ha dimenticato l’Olimpico e i suoi protagonisti.

 

Alessio Cerci. Il campo di Torino Cerci lo conosce più che bene. Qui ha ritrovato la fiducia in se stesso e quella dell’allenatore e ha giocato la miglior stagione della sua carriera prima di passare all’Atletico e ritrovarsi, questa sera, nuovamente nella città che lo ha trattato quasi come un figlio. Questa volta, però, da avversario. Non sarà quindi una partita come le altre per chi continua a portare con sé il Toro ma sarà anche e soprattutto un’occasione da sfruttare a pieno per l’attaccante. Le assenze nel Milan e il cambio di modulo attuato da Mihajlovic gli consentono di potersi mettere finalmente in mostra in un Milan in cui fino ad oggi non ha trovato molto spazio. Un’occasione che Alessio Cerci vorrà sfruttare al meglio cercando di rimettere in campo tutte le qualità che ha fatto vedere nei suoi anni in granata. Una giocatore che da idolo indiscusso potrebbe quindi trasformarsi in una spina nel fianco non indifferente per la squadra di Ventura che dovrà dimostrarsi abile nel contrastarlo e nel limitarne le incursioni.

Condividi