Torino-Genoa 3-3: granata beffati al 95′

0
76

SECONDO TEMPO. Al rientro dagli spogliatoi Toro e Genoa si presentano in campo con le stese formazioni del primo tempo. E non cambia nemmeno il film della gara: Toro sempre attento nel pressing e nel recupero palla, costruisce e attacca con decisione. Il genoa fatica invece a trovare spazi e proporsi in avanti. Nelle poche occasioni che riescono a sfruttare, i granata si controllano con ordine e ripartono velocemente grazie all’ottimo lavoro dei due attaccanti. La prima occasione per il Toro si materializza al terzo minuto quando Zappacosta mette in mezzo un buon cross per Belotti che tuttavia non riesce a colpire la palla. Dopo tre minuti prima a zione pericolosa anche da parte del Genoa con un’incursione al centro dell’area granata di Perotti. Solo l’intervento provvidenziale di Glik evita il possibile pareggio dei liguri. All’11 della ripresa ci riprova il Genoa con Pavoletti che in scivolata anticipa Padelli: conclusione di poco a lato. Le due incursioni nei primi minuti del secondo tempo sembrano aver dato coraggio agli uomini di Gasperini che si presentano con maggior decisione nella metà campo del Torino. Toro che si fa rivedere in area del Genoa al 16’ con un cross di Benassi per la testa di Belotti che manca l’impatto con il pallo per un soffio. A trovare il gol, però, è il Genoa che al 21’trova il pareggio grazie ad uno splendido gol di Pavoletti. Il pareggio convince il mister a cambiare il proprio centrocampo inserendo Baselli al posto di Acquah. Baselli che si fa vedere subito in avanti: al 27’ colpisce di testa un cross di Zappacosta e solo un intervento miracoloso di Izzo salva il Genoa. Ci crede il Toro che continua a spingere e per sfruttare maggior velocità Ventura manda in campo Martinez al posto di Belotti. Pochi minuti dopo i granata arrivano vicinissimi al terzo gol con Baselli che calcia i porta ma trova un ottimo Perin a blocca la sfera. Ancora Toro che al 38’ con un bel contropiede arriva in are con Benassi. Fortunata la difesa del Genoa che riesce a bloccare il tiro del terzino granata. Negli ultimi minuti dentro a Peres al posto di un dolorante Zappacosta. Non è ancora finita. A un minuto dal 90’ Benassi colpisce di testa su cross di Bruno Peres, Perin respinge ma la palla finisce sul piede dell’ex granata Tachtsidis che manda in rete. Genoa sfortunato e Toro nuovamente in vantaggio. Sono cinque i minuti di recupero concessi dal direttore di gara nei quali il Genoa riesce anche a trovare il pareggio con Laxalt proprio pochi secondi prima del fischio finale. Partita divertente e risultato rocambolesco che non può che stare stretto ai granata, che buttano via la vittoria a pochissimo dalla fine del match.

 

PRIMO TEMPO. Imbattuto in casa ma con un solo punto raccolto nelle ultime tre giornate. Così il Toro si presenta alla gara contro il Genoa, gara nella quale vuole tornare alla vittoria. Nello scegliere gli undici giocatori da schierare in campo, Ventura tiene conto del derby che si giocherà sabato allo Juventus Stadium. È così che i titolarissimi Peres, Baselli e Quagliarella partono dalla panchina. In attacco spazio dunque alla coppia Maxi Lopez-Belotti. Il Toro parte subito bene, costringendo il Genoa a difendersi per tutta la prima parte di match. Troppo spesso però i granata sono imprecisi al momento dell’ultimo passaggio. È così che la prima occasione arriva solamente quando il cronometro indica il 17′: Belotti fa da sponda per Maxi Lopez che va alla conclusione dal limite senza però trovare lo specchio della porta. Al 26′ però un pasticcio difensivo granata regala al Genoa il vantaggio alla prima azione: Molinaro perde palla al limite dell’area, Padelli esce vuoto sul successivo cross di Pavoletti e Laxalt di testa, a porta sguarnita non sbaglia. Per la nona volta in dieci partite di campionato il Toro prende gol. La squadra di Ventura riesce però a rispondere immediatamente al colpo subito e un minuto dopo pareggia con Maxi Lopez: per l’argentino è il secondo gol in questa serie A. I granata riportano immediatamente il pallone a metà campo e riprendono immediatamente ad attaccare. Al 34′ gli sforzi dei ragazzi di Ventura vengono premiati: da un calcio d’angolo Moretti prova la sforbiciata senza però trovare il pallone che arriva sui piedi di Zappacosta. Il terzino non ci pensa due volte e va alla conclusione dal limite battendo Perin con uno splendido destro. Poco prima della fine del primo tempo Molinaro prova a farsi perdonare l’errore che ha portato al gol del Genoa: il numero 3 è autore di una bella azione personale e la sua successiva conclusione a giro dal limite termina di poco lontano dall’incrocio dei pali. Il primo tempo si chiude quindi con il Toro in vantaggio per 2-1.

 

 

Condividi