Toro e Inter, difese agli antipodi

0
33

Da una parte, la miglior difesa del torneo; dall’altra una delle peggiori, che specialmente nell’ultimo periodo ha subito troppi gol per amnesie dei singoli o di reparto. Gli anni scorsi, quando si giocava Torino-Inter, si viveva questa situazione, con la retroguardia di Ventura tra le squadre che avevano subito meno reti, mentre i nerazzurri hanno sempre avuto una difesa “ballerina”. Questa volta, i ruoli si sono completamente invertiti: Mancini ha saputo forgiare un reparto solido, grazie anche ai nuovi acquisti Murillo e Miranda, ed è anche grazie a questo che oggi è in testa alla classifica generale (insieme alla Fiorentina) e di chi ha subito meno (appena sette gol subiti), mentre Glik e compagni hanno una media di oltre un gol e mezzo al passivo a partita.

 

Sono impressionanti i dati dell’Inter, anche perché, se si considera che in un’unica sfida (quella giocata a San Siro proprio con i viola, formazione con cui dividono il primo posto) hanno subito addirittura quattro reti. Vuol dire, quindi, che nelle restanti dieci partite di campionato, i ragazzi di Mancini hanno preso appena tre gol. Merito di tutta la squadra, certamente, ma anche di un Handanovic particolarmente ispirato, che nell’ultima giornata contro la Roma ha compiuto interventi miracolosi. In queste prime undici partite di serie A 2014/2015, in ben sette occasioni la porta dell’Inter è rimasta inviolata.

 

Tutto il contrario del Toro, che con 17 gol subiti in undici giornate ha la terza peggior difesa del torneo. Peggio dei granata han fatto soltanto la Lazio con 18 gol (dove pesano le cinque reti incassate a Napoli il 20 settembre) e il fanalino di coda Carpi, che ha già preso 23 reti. Un ruolino di marcia preoccupante, anche perché, storicamente, la fase difensiva di Ventura è sempre stata un fiore all’occhiello. Tra errori individuali e di reparto, tra infortuni e assenze pesanti, il Toro ha perso quella sicurezza difensiva che aveva sempre avuto, e i risultati ne stanno risentendo. Urge un cambio di rotta, anche perché Padelli non è stato battuto soltanto nella sfida contro la Sampdoria.

Condividi