Le pagelle di Torino-Cesena

0
88

ICHAZO 6: praticamente inoperoso, mai una parata. Anche stavolta, in maniera meno sfortunata rispetto all’autogol col Pescara, chiude subendo una rete.

 

ZAPPACOSTA 7: Peres o no, Ventura sa di poter contare su un giocatore che può dare ampie garanzie, sia in difesa che in attacco. Non ha la falcata del brasiliano ma una progressione e un tiro che non sono da meno. E meno male che c’è abbondanza

 

BOVO 6: quasi un’ora di vacanza fino al gol di Cascione. Dopo la chiusura di Jansson manca un pallone da controllare o allontanare, favorendo l’inserimento del giocatore del Cesena

 

JANSSON 6.5: buona la prima dopo il rientro, nonostante il Cesena non abbia fatto correre pericoli tali da mandarlo in sofferenza

 

MORETTI 7: si toglie lo sfizio di andare in gol anche in Coppa, dopo la rete alla Fiorentina in campionato. Amministra e tiene a bada gli avversari nei pochi affondi degli avversari.

 

MOLINARO 6.5: sopratutto nel primo tempo spinge con una certa continuità sulla sinistra, creando spazi per i propri compagni. In fase difensiva non è molto impegnato.

 

BENASSI 7.5: al di là dell’appuntamento col gol al quale ci sta ormai abituando di frequente, è una buona notizia il fatto che il centrocampista e capitano dell’Under 21 appaia completamente ristabilito dopo l’infortunio che lo ha costretto a saltare le utlime due gare di campionato. In campo per 90′, ottima l’intesa con Zappacosta

 

GAZZI 6.5: il suo gol, dopo appena tre minuti, indirizza una gara destinata comunque ad essere dominata dai granata. Non deve fare affatto gli straordinari, amministra e quando entra

 

BASELLI 6: nemmeno oggi il tecnico rinuncia a lui. Dai suoi calci d’angolo nascono i due gol.  (st 1′ PRCIC 6.5: entra e fa subito vedere le qualità di cui dispone. Dai piedi dell’ex Rennes parte l’azione che porta il Toro a chiudere definitivamente i conti sul 3-0. Ventura potrebbe aver trovato una preziosa risorsa

 

MAXI LOPEZ 7: al Cesena aveva segnato il primo gol con la maglia del Toro, ai bianconeri segna anche stavolta, al termine di una azione da manuale. Sembrano lontani i tempi in cui faticava a tornare ad essere il giocatore che avevamo conosciuto. Ora, oltretutto, gioca anche con la mente sgombra da qualsiasi altro pensiero (st 14′ AMAURI 6: prova a mettersi in mostra con un’azione personale nel finale ma riesce solo a guadagnare un angolo)

 

MARTINEZ 6: la voglia di segnare è tanta, e si vede dalla foga con la quale si butta su ogni pallone. A volte anche troppa. Imprecisione e un po’ troppa sfortuna, in alcuni casi. La buona notizia è che l’intesa con Maxi Lopez, continua a funzionare: è evidente nel pallone di ritorno che il venezuelano serve al compagno in occasione del 3-0.

 

All. VENTURA 7: non è un turnover selvaggio anche perché Zappacosta e Benassi, inseriti dal 1′ e assenti sabato scorso, non sono affatto dei rincalzi, al contrario. L’atteggiamento è quello giusto, la voglia anche: certo, l’avversario non è irresistibile, ma fa bene il tecnico a testare Pcric e a regalare qualche minuto a Pryyma.

 

Arbitro MARIANI 6.5: dirige bene la partita, aiutato anche dai giocatori delle due squadre. Mostra diversi cartellini gialli ai giocatori del Cesena ma sono tutti giusti.

 

 

Clicca qui per vedere gli highlights della partita:

 

 



Condividi