Toro, il rendimento è in linea con quello necessario alla conquista dell’Europa

0
37

Quindici giornate di campionato sono già archiviate. Il Toro è al nono posto in classifica a quota 22 punti, grazie a 6 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte. Il sesto posto, utile per la qualificazione in Europa League, è attualmente occupato dal Sassuolo, prossimo avversario del Torino, con 26 punti. E’ quindi interessante capire, nelle ultime stagioni, quanti punti avevano raccolto le squadre arrivate poi seste nella classifica finale.

 

Il Sassuolo, come detto, ne ha raccolti 26, esattamente come il Genoa nella passata stagione e la Roma nel 2012/2013. Un ruolino di marcia importante e perfettamente equilibrato tra andata e ritorno: i rossoblù chiusero, infatti, con 59 punti, mentre i giallorossi arrivarono a 62. Il Genoa, però, non riuscì a ottenere il permesso per partecipare alla competizione europea e fu costretto a ceder il posto ai “cugini” blucerchiati, subito eliminati nel turno preliminare. 

 

Nella più lontana stagione 2011/2012 a ottenere il sesto posto finale fu l’Inter che, dopo quindici giornate, era ancora a quota 23 punti. Quell’anno di punti ne bastarono 58. Addirittura l’Udinese ottenne il terzo posto e la conseguente qualificazione ai preliminari di Champions League con 64. 

La rimonta più importante degli ultimi anni è stata quella del Parma, due stagioni fa. I ragazzi di Donadoni alla quindicesima giornata avevano infatti raccolto solo 18 punti. Poi un filotto di vittorie e risultati utili consecutivi portò i gialloblù fino a quota 58. Una lunghezza in più dei granata di Ventura. La società dell’allora presidente Ghirardi versava però in condizione economiche disastrose e a ottenere il pass per disputare l’Europa League fu proprio il Toro. Fu anche il preludio al fallimento del Parma FC.

 

 

Condividi