Il 2015 del Toro / Febbraio: la magica notte del San Mamés

0
103

In campionato due vittorie e due pareggi, in Europa League un’impresa di cui si parlerà per mesi e mesi, l’eliminazione dell’Athletic Bilbao e la conseguente qualificazione agli ottavi della competizione continentale. Un mese di febbraio da incorniciare, quello del 2015: ad aprirlo è un netto 5-1 casalingo ai danni della Sampdoria, proprio il 1 febbraio. Nel giorno del ritorno in A di Eto’o, ingaggiato da Ferrero nel mercato di gennaio, è invece Quagliarella a far festa con una tripletta proprio ad una delle sue ex più amate: la squadra di Mihajlovic esce sconfitta dall’Olimpico, il Toro raccoglie tre meritati punti bissando una settimana dopo, con la vittoria a Verona contro l’Hellas. Al Bentegodi sblocca il match Martinez, va a segno Quagliarella su rigore ed El Kaddouri trova il primo gol in campionato: finirà 3-1 esattamente come i due anni precedenti.

Prima dell’attesa sfida di Europa League contro l’Athletic Bilbao c’è ancora l’1-1 interno contro il Cagliari, quando El Kaddouri – seconda rete consecutiva –  risponde al vantaggio di Donsah. Alle 19 del 19 febbraio la supersfida contro i baschi dell’Athletic Bilbao: oltre mille tifosi ospiti vengono accolti all’Olimpico in un clima di festa. Sul campo dopo nove minuti, la situazione sembra compromessa, ma alla rete di Williams risponde Maxi Lopez. Una doppietta dell’argentino, inserito nella nuova lista di Europa League, fa tremare lo stadio Olimpico: nella ripresa il gol di Gurpegi lascia l’amaro in bocca, rendendo la gara di ritorno ancora più difficile. Come ancora più grande è l’impresa granata: al San Mamés il Toro completa il capolavoro cominciato in casa, battendo i baschi e violando (prima squadra italiana nella storia) quello stadio imponendosi 3-2. Un continuo botta e risposta: Quagliarella, poi Iraola, e allora Maxi Lopez, prima del 2-2 di De Marcos. Al 68′ è Matteo Darmian a trasformarsi nell’uomo del destino: un gol che proietta la squadra di Ventura agli ottavi.

Tra l’andata e il ritorno la partita di campionato contro la Fiorentina: il Toro torna al Franchi a meno di un anno dalla serata del rigore di Cerci e delle lacrime (poi rivelatesi inutili) per la mancata qualificazione all’Europa League, Vives pareggia i conti rispondendo a Salah (1-1 il finale) e sullo 0-0 Padelli para un rigore a Babacar, nella stessa porta del penalty dell’ex numero 11 granata. 

Il 27 febbraio, il giorno dopo l’impresa del San Mames, il sorteggio di Europa League riserva al Toro lo Zenit di San Pietroburgo: sarà la squadra che porrà fine all’avventura europea. 

Condividi