Il 2015 del Toro / Luglio: l’addio di Darmian apre a Baselli e Zappacosta

0
51

Luglio è il mese del calciomercato. La lunga e faticosa cavalcata in Europa League e in campionato ha ridotto il Toro allo stremo delle forze nell’ultima parte della stagione. Cairo, Petrachi e Ventura progettano, quindi, di allargare la rosa dei granata per affrontare la stagione successiva, con l’ausilio di nuovi innesti, giovani e di belle prospettive.

 

L’evento più importante è, tuttavia, la cessione di uno dei simboli del Toro targato Ventura: Matteo Darmian, ingaggiato dal Manchester United per la cifra (record per il Torino) di 18 milioni di euro più bonus. Il terzino ringrazia i tifosi granata per gli anni passati assieme con una bellissima lettera che rimarrà per sempre, assieme al ricordo della straordinaria professionalità del calciatore, nel cuore dei tifosi. Smaltito, con fatica, l’addio del beniamino di molti di tifosi, il Toro inizia a costruire la nuova rosa: dopo Danilo Avelar dal Cagliari, Acquah dal Palermo, ufficializzati già nel mese di giugno, arriva a Torino Joel Obi, in prestito dall’Inter, e soprattutto Zappacosta e Baselli dall’Atalanta con un’operazione da 10 milioni di euro complessivi. Le firme sul contratto arrivano nella giornata del 10 luglio e il giorno dopo viene ufficializzata la cessione di Darmian. Due giorni di fuoco per il mercato granata.

La settimana successiva diventa ufficiale anche l’arrivo a titolo definitivo di Ichazo dal Danubio, dopo i sei mesi passati in prestito. Il portiere si prepara così a vestire i panni del vice-Padelli, confermato nel ruolo di numero uno titolare.

 

Luglio è anche il mese del ritiro e delle amichevoli. La prima parte del ritiro granata è a Bormio, poi gli uomini di Ventura gli ultimi giorni del mese si trasferiscono a Chatillon. I granata sconfiggono in amichevole Bromiese, Sondrio, Savona e Renate e i nuovi acquisti iniziano a mettersi in mostra agli occhi del tecnico e dei tanti tifosi giunti nelle località del ritiro per accompagnare i propri beniamini. Il mese si conclude con una buona dose di ottimismo. Ora non rimane che aspettare gli ultimi colpi di mercato (Cairo è a caccia di un attaccante) e l’inizio ufficiale della stagione con la partita di Coppa Italia e la prima di campionato.

Condividi