Toro, così vai in B: dalla 7ª giornata in poi la media è da retrocessione

0
124

Quindici partite giocate: tre vittorie, quattro pareggi, otto sconfitte, sedici gol fatti, ventidue subiti e una media di 0,86 punti conquistati a partita. Numeri da retrocessione. Numeri, purtroppo, del Torino da fine settembre ad oggi.

 

Il rendimento della squadra di Ventura dalla settima giornata in poi è stato a dir poco disastroso, basti pensare che solamente Hellas Verona e Frosinone hanno fatto peggio e se il campionato fosse iniziato il 3 ottobre (il giorno di Carpi-Torino), anziché il 23 agosto, la compagine granata sarebbe in zona retrocessione. Altro che ambizioni europee. E nel mezzo di questi desolanti quattro mesi di campionato c’è stato spazio anche per un altro orrore: il derby di Coppa Italia.
La squadra di settembre, capace di battere la Fiorentina, di vincere contro il Palermo nonostante la doppia inferiorità numerica, sembra essere una lontana parente di quella attuale. Al termine della sesta giornata di campionato, il Torino era a quota tredici punti, lontano solamente due lunghezze dalla coppia di testa formata da Inter e Fiorentina. Il calendario alla settima giornata prevedeva, nell’anticipo del sabato, un’abbordabile (sulla carta) trasferta in casa del fanalino di coda Carpi: in caso di vittoria, per una notte, il Torino sarebbe stato primo da solo in testa alla classifica da serie A. Un sogno per i tifosi dopo vent’anni di frustrazioni. Al “Braglia” poteva essere la partita del primo posto, è invece stata quella dell’inizio della crisi.

 

Rispetto all’inizio di stagione la squadra di Ventura non ha avuto un’involuzione solamente dal punto di vista dei risultati, ma anche da quello del gioco e dell’atteggiamento. Le prime giornate erano state caratterizzate da una serie di rimonte, nelle ultime si è invece spesso visto un Torino arrendevole, incapace di reagire dopo la sberla subita (esempi lampanti di ciò sono le partite contro Fiorentina, Udinese e Juventus in coppa).

 

Toccherà ora a Ventura trovare il modo per far uscire il Torino dal vortice nel quale si è infilato con le proprie mani. Per farlo, il tecnico dovrà però essere ben consapevole che le cause sono da ricercare all’interno della squadra e non all’esterno.

 

Classifica serie A alla 6ª giornata

 

Inter 15 Napoli 9
Fiorentina 15 Palermo 7
TORINO 13 Genoa 6
Sassuolo 12 Udinese 6
Lazio 12 Juventus 5
Roma 11 Empoli 4
Chievo 11 Frosinone 4
Atalanta 11 H. Verona 3
Sampdoria 10 Bologna 3
Milan 9 Carpi 2

 

Classifica serie A dalla 7ª alla 21ª giornata

 

Juventus 40 Lazio 19
Napoli 38 Udinese 18
Empoli 28 Genoa 17
Inter 26 Palermo 17
Fiorentina 26 Carpi 16
Roma 24 Atalanta 15
Milan 24 Sampdoria 13
Bologna 23 TORINO 13
Sassuolo 20 Frosinone 12
Chievo 20 H. Verona 7

 

 

 

Condividi