Torino-Verona, pochi problemi per Mariani

0
58

Contro l’ultima della classe è arrivato il primo pareggio assoluto dei granata con l’arbitro Maurizio Mariani. Dopo le vittorie ottenute in questa stagione contro il Palermo in campionato e il Cesena in Coppa Italia, il 34enne della sezione di Aprilia si è dimostrato ancora una volta all’altezza della situazione dirigendo una partita non difficile in modo discreto, non facendosi notare e non incidendo sul risultato.

Nessun caso particolarmente rilevante nel primo tempo nel corso del quale il direttore di gara ha chiuso un occhio su alcuni interventi un po’ sopra le righe: al 9’ rischio ammonizione per Helander che affossa Acquah con un intervento di ostruzione al limite dell’area; anche Gazzi al 14’ commette un fallo ai limiti del regolamento entrando in ritardo su Jankovic; il più clamoroso è però il provvedimento mancante al 39’ ai danni di Greco il quale interviene con un fallo tattico (trattenuta) su Acquah a metà campo. Il primo cartellino arriva invece al 44’ ai danni di Jankovic per uno sgambetto su Belotti. Da annotare al 16’ un bel tiro ad incrociare di Belotti partito in linea con l’ultimo difendente su passaggio di Moretti: nel dubbio giusto lasciar proseguire l’azione.

Nella ripresa qualche cartellino in più: al 58’ giallo per Greco, autore di un intervento in ritardo su Benassi, al 62’ per Helander per un fallo analogo a quello commesso nel primo tempo, stavolta su Belotti. Al 72’ si lamenta Benassi per un presunto blocco di Albertazzi che gli impedisce di saltare in area per raccogliere il cross di Baselli. Tuttavia, sebbene il difensore scaligero usi un po’ di mestiere, non sembrano esserci gli estremi per la concessione del penalty. Al 75’ si prende qualche rischio anche il diffidato Baselli che trattiene leggermente Ionita a centrocampo. Infine al 93’ giusta anche l’ammonizione per Pazzini autore di un fallo tattico ai danni di Maksimovic in uscita dalla propria trequarti.

Davvero poco da addebitare, dunque, all’arbitro che forse in taluni casi non ha applicato alla lettera il regolamento ma si è reso protagonista comunque di una direzione di gara più che dignitosa.

Come detto, quello di ieri è stato il primo pareggio del Torino con l’arbitro della sezione di Aprilia a fronte di quattro vittorie e una sconfitta.

 

Condividi