Le pagelle di Sampdoria-Torino

0
106

PADELLI 6: non è chiamato a fare interventi difficili, sui due gol non è colpevole

ZAPPACOSTA 6: le sue accelerazioni potrebbero fare più male se solo il resto della squadra fosse pronta a dargli una mano. Qualche cross fuori misura ma è il più vivace in una serata che regala pochi guizzi

MAKSIMOVIC 5: commette errori non da lui, come quando lascia passare Correa nell’occasione che porta al corner dal quale si sviluppa il gol del vantaggio della Sampdoria

GLIK 6: guida una retroguardia troppo spesso sorpresa da una Sampdoria che nelle rare volte che si spinge in avanti ha sempre via libera. La sua grinta lo salva in più occasioni

MORETTI 5.5: lascia campo a Soriano quando il blucerchiato si inventa il gol vittoria. Prestazione in linea con le ultime, spesso poco convincenti

SILVA 5: nelle gerarchie di Ventura sorpassa Peres, Avelar e Molinaro pur non essendo un terzino di ruolo. Passa almeno mezz’ora rintanato nella metà campo granata, senza mai spingere. Sul gol della Sampdoria è lui a marcare e perdere di vista Muriel

ACQUAH 5: ha l’occasione più ghiotta del primo tempo, ma dopo la bella progressione il tiro è troppo centrale. Per il resto poca sostanza (st 1′ BASELLI 5: dovrebbe portare brio e idee in un centrocampo quasi inesistente, ma non emerge nemmeno stavolta)

GAZZI 5.5: non ha i piedi di chi può impostare, si limita a randellare e a recuperare qualche pallone e niente di più.

 

BENASSI 5.5: un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Lo si vede pochissimo ed è richiamato in panca quando Ventura decidere di affidarsi ad un’altra punta (st 26′ MAXI LOPEZ 6: sua la palla che consente ad Immobile di presentarsi a tu per tu col portiere, in un paio di occasioni tiene su la squadra. Ingresso positivo)

 

MARTINEZ 5: non è una gran serata per le punte, poco servite da un centrocampo dal quale di palloni giocabili ne arrivano con il contagocce (st 18′ IMMOBILE 5.5: quello che si divora al 30′ è clamoroso, a salvare leggermente la sua prestazione sono i due assist a Belotti)

 

BELOTTI 7: dopo un primo tempo sterile, è il Gallo a riaccendere le speranze del Toro riacciuffando gli avversari cinque minuti dopo il vantaggio firmato Muriel. Ed è ancora lui a trovare un pari che sembrava impossibile a pochi secondi dal triplice fischio

VENTURA 5: schiera una formazione che lascia perplessi per la scelta di ripresentare un centrocampo che già col Verona non aveva convinto. Il suo Toro è distratto e a salvare una serata da dimenticare è solo Belotti. Stress o no, c’è da lavorare, e tanto, per regalare ai tifosi uno spettacolo più dignitoso

 

GUIDA 6: non emerge ed è già un punto a suo favore, direzione sufficiente

 

Clicca qui per vedere gli highlights della partita:

 



 

Condividi