Palermo-Torino e lo squillo di Recoba

0
116

“Da Recoba ci si attende sempre la giocata decisiva. Il Chino la cerca con insistenza fino al sinistro che in avvio di ripresa vale il pareggio. Il gol lo sblocca, le magie iniziano a fioccare, come lo slalom che Rosina spreca calciando alle stelle. Che farà quando sarà a posto fisicamente?” Pone una bella domanda, la pagella di Alvaro Recoba pubblicata su un quotidiano lunedì 17 settembre 2007, all’indomani del primo e unico gol in campionato realizzato dal Chino in maglia granata.

 

Già, che farà Recoba quando sarà a posto fisicamente? Nessuno lo scoprirà mai, visto che il top della condizione il fantasista appena giunto dall’Inter non la raggiungerà più. Resta quella perla, lo splendido scambio con un altro dai piedi buoni come Rosina e quel sinistro fulmineo e perfetto che si infila imparabile nell’angolino. Recoba era arrivato al Toro in pompa magna: il 31 agosto ci sono cinquemila tifosi in delirio ad affollare la Maratona più bollente del sole. Dieci anni esatti dopo il debutto in serie A, il Chino lascia l’Inter e passa al Toro per indossare una inconsueta maglia numero 4. Debutta il giorno dopo in casa contro la Reggina, è la seconda giornata; la settimana dopo al Barbera dà spettacolo, a Palermo. Peccato che poi, di fatto, ci si fermi lì, a parte la doppietta segnata alla Roma nell’andata degli ottavi di Coppa Italia. Di quell’avventura, alla fine, rimarranno soltanto la perla segnata al Palermo e quella festa in stile carioca il giorno dell’arrivo.

Stadio Renzo Barbera, a Palermo
Domenica 16 settembre 2007, ore 15

 

PALERMO-TORINO 1-1 (1-0)

RETI: 4’ pt Simplicio, 9’ st Recoba.
PALERMO: Fontana, Zaccardo, Rinaudo, Barzagli, Pisano (27′ pt Bresciano), Diana, Migliaccio, Simplicio, Cavani (34’ st Jankovic), Amauri, Miccoli (26’ st Brienza). All. Colantuono.
TORINO: Sereni, Comotto, Natali, Dellafiore, Lanna, Barone, Corini, Zanetti (44’ pt Grella), Rosina, Recoba, Bjelanovic. All. Novellino.
ARBITRO: Bergonzi di Genova.
NOTE. Ammoniti: Comotto, Bjelanovic, Zaccardo, Rinaudo. Spettatori: 25.987.

 

Condividi