Toro, non c’è pace sulle fasce: Peres cambia ancora partner

0
84

In vista della gara contro il Carpi, il Torino si prepara a un nuovo cambio sulle fasce laterali. La buona sorte, infatti, non accompagna la formazione granata: Zappacosta, uscito malconcio dalla gara contro il Palermo sta continuando ad allenarsi a parte e la sua presenza domenica è in forte dubbio. Giampiero Ventura rischia dunque di dover provvedere all’ennesima e forzata modifica del suo scacchiere. Se l’ex giocatore dell’Atalanta non dovesse recuperare, sarà infatti Molinaro a tornare a presidiare la fascia sinistra.

 

Nelle ultime giornate di campionato Peres è stato l’unico tra i terzini ad essere impiegato con regolarità: nella gara contro il Chievo è sceso in campo con il connazionale Avelar, sette giorni dopo, al Barbera, si è invece dovuto adattare a percorrere la fascia sinistra per lasciare quella destra a Zappacosta. Ora, se quest’ultimo non dovesse farcela a recuperare, il numero 33 granata tornerà nell sua consueta posizione di terzino destro.

Senza Zappacosta, le opzioni a disposizone di Ventura per il ruolo di esterno di sinistra sono Avelar e Molinaro, ma con il brasiliano ex Cagliari non nella sua condizione migliore (basti pensare alla partita contro il Chievo in cui giocò da titolare senza però riuscire a brillare, tralasciando il fallo in area su Castro che ha permesso ai veneti di andare sul dischetto e segnare il gol del definitivo 1-2), Ventura opterà quasi certamente per il terzino ex Parma, che quest’anno ha già avuto al suo attivo 21 presenze tra campionato e Coppa Italia, condite da 2 assist. Molinaro è un giocatore esperto e di sicuro affidamento, ma non garantisce lo stesso rendimento del più giovane collega. 

 

Se dovesse essere schierato titolare, Molinaro sarà chiamato a dare un grande contributo alla fase offensiva. Con ogni probabilità, il Carpi baserà la propria partita sulle ripartenze, cercando di non mostrare il fianco ai granata, ecco perché il contributo degli esterni saranno fondamentali per aprire gli spazi nella difesa avversaria.

 

Condividi