Toro a Milano per sfatare una serie di tabù

0
52

Ai granata di questa stagione manca ancora un successo importante per non disperdere in poco tempo un patrimonio di una anno di entusiasmo e di gioco. Le tappe più significative dell’exploit dei ragazzi di Ventura della scorsa stagione sono state la vittoria a San Siro contro l’Inter del 25 gennaio 2015 (capocciata vincente di Moretti nei minuti di recupero), l’impresa a Bilbao del 26 febbraio al San Mames e la ciliegina sulla torta, il ritorno alla vittoria della stracittadina dopo 20 anni di attesa.

Fra pochi giorni il Torino farà visita al Milan: tante sfide in una solo match. I granata da più di 30 anni non riescono a vincere a San Siro contro il Milan in Serie A: l’ultimo successo “corsaro” è datato 24 marzo 1985 (successo per 1-0 con il gol vittoria di Schachner) nel campionato del miglior piazzamento del Torino dopo lo Scudetto del 1976, allora un secondo posto dietro alla “sorpresa” Verona per Gigi Radice e Leo Junior. Dopo di allora alla Scala del calcio contro il Milan solo la “miseria” 6 pareggi e 13 sconfitte.

La tradizione negativa non risparmia nessuno dei protagonisti: nessun sucesso del presidente Cairo dal 2006 a oggi contro il Milan, uno score di 6 pareggi e 7 sconfitte in 13 match ufficiali (tra casa e trasferta), male anche Ventura contro il collega Mihajlovic, 1 vittoria contro 4 del contendente e un pareggio nell’ultima sfida fra i due datata 17 ottobre 2015.

Tanti gli attaccanti del Milan che si sono rivelati i veri e propri giustizieri della squadra granata e in molte occasioni queste prodezze sono state determinanti per storiche goleade. Su tutti lo svedese Nordahl (5 volte capocannoniere, nessuno come lui in serie A) che infilò 12 volte gli avversari fra cui un poker datato 26 febbraio 1950 in Milan-Torino 7-0.
Precede in questa speciale classifica Altafini con 10 gol, Liedholm con 8 e Pippo Inzaghi che realizzò 7 reti al Torino in 7 match comprese 2 triplette (il 6 ottobre 2002 in Milan-Torino 6-0 e il 19 aprile 2009 in Milan-Torino 5-1).

Sarà Bacca che proverà a spaventare il Toro, contro il quale è già andato a segno nella sfida del girone di andata e in questa stagione ha già realizzato 10 reti nelle prima conclusione in porta su 13 segnature in campionato, inoltre vanta 15 reti stagionali in 29 match disputati, fra i big rossoneri al loro debutto ha gia’ fatto meglio di campioni come Marco Van Basten, Gullit e Kaka.

Condividi