Toro, mancano i gol “dalla panchina”: primato stagionale della Lazio

0
38

Numeri alla mano, in vista della partita dei granata di domenica contro la Lazio, salta all’occhio come alla squadra di Ventura in questo campionato manchi il decisivo contributo delle reti dei “panchinari”. Finora solo 2  con i  giocatori subentrati (ma tutte decisive), una con Acquah alla terza giornata (in trasferta contro il Verona) e  l’altra con Maxi Lopez (alla quindicesima giornata su calcio di rigore contro la Roma). Troppo poche, a livello statistico: i granata sono una delle squadre peggiori in questa speciale classifica.  

Questo complica ulteriormente l’iter di mister Ventura che non trova energie nuove a  partita in corso che possano dare slancio e un nuovo indirizzo al match.  

 

Mancano le reti del venezuelano Martinez che spesso e volentieri e subentrato a partita in corso e in altrettante occasioni ha divorato gol che bastava spingerle in rete solo  con il “pensiero”.  Non aveva lasciato traccia l’italo-brasiliano Amauri già prima del consensuale divorzio , ma soprattutto manca il contributo di Maxi Lopez come alternativa alla coppia titolare. Le segnature dei cosiddetti “panchinari” nella precedenti due stagioni per la squadra di Ventura erano qualcosa di più di più un semplice valore aggiunto. 

Sette realizzazioni atipiche nello scorso campionato (con 5 giocatori diversi e  tre centri di  Maxi Lopez) e  il contributo decisivo di 5 segnature  determinanti che hanno determinato il piazzamento finale del Torino nella stagione record di Cerci e Immobile di due stagioni fa.   

 

Ma il fato e il calendario mette di fronte al Toro il 6 marzo (alle 12:30) la squadra che detiene il primato stagionale di  reti realizzate da giocatori subentrati ai compagni di squadra.
La Lazio primatista di questa speciale classifica (con 10 reti) allo Stadio Olimpico sicuramente schiererà alcuni dei suoi  “bomber di riserva” (fra tutte le 3 reti da subentrato di Matri  e le 2  di 2  di Keita e Candreva) gestiti saggiamente con un mirato turnover da Stefano Pioli. Per la cronaca i nuovi “Altafini del calcio moderno” in questo torneo sono il bomber croato Kalinic che guida dall’alto questa speciale classifica con 4 centri e precede poker d’assi di giocatori italiani con 3 gol, in ordine alfabetico Gilardino, Lasagna, Matri e Zaza. 

 

 

Condividi