Toro, sprint di Acquah per l’Atalanta: giocare per avvicinarsi a quota 30

0
88

Prove di rientro per Afryie Acquah. Lo stop a sorpresa della scorsa settimana, rientrato dalla nazionale, per un problema muscolare sta infatti rapidamente per diventare un ricordo, con il centrocampista che già punta alla sfida di domenica prossima contro l’Atalanta. La mezzala ghanese già ieri in Sisport aveva dato palesi segni di miglioramento: non si è allenato con i compagni, ma nel campo principale, agli ordini del preparatore atlatico Solustri, ha corso per un’ora e mezza a ritmo alternato dimostrando che la tenuta altetica è comunque buona, riuscendo a forzare anche qualche volta nello scatto. E oggi ha svolto ancora differenziato, aumentando i carichi di lavoro. 

 

Con 25 presenze, l’ex Parma è tra i giocatori più impiegati da Ventura in questo campionato: solo in cinque occasioni, infatti, il ghanese è entrato a gara in corso. Per il resto, una titolarità che ha permesso al Toro di avere maggiore sostanza in mezzo al campo, a scapito, tuttavia, di qualche pallone perso di troppo in fase di impostazione. Ma la sua centralità, attualmente, non è in discussione, con il tecnico che aspetta il suo centrocampista il prima possibile, per poter dare battaglia in mezzo al campo.

 

L’obiettivo è quello di riuscire a centrare almeno le 30 presenze, per giustificare anche l’investimento di 2,5 milioni di euro in seguito a un corteggiamento durato non soltanto qualche settimana estiva, ma sei mesi interi. A Torino, Acquah non vuole essere di passaggio, e dopo aver girato tanto squadre, mira ora a una conferma all’ombra della Mole anche per il prossimo anno. Prima, però, ci sarà l’Atalanta, partita per la quale il centrocampista mira almeno alla convocazione. Che è possibile, se i miglioramenti di ieri troveranno ulteriore conferma nella giornata odierna. E la carica degli applausi dei tifosi della Sisport potrà costituire da ulteriore stimolo per farcela.

 

Condividi