Cinque gol in mezz’ora: peggio di così non si può

0
109

Se non è un record del mondo, poco ci manca. Perché non è facile neppure per un Torino derelitto che si appresta alla retrocessione subire cinque gol in 31 minuti, soprattutto se davanti c’è un Bologna che in quel momento tanto grande non è.

 

Eppure quella sera di dicembre 2008 al Dall’Ara va tutto storto, perfetta istantanea di una stagione nera che più nera non si può. E dire che il primo tempo dei granata è pure incoraggiante: il Torino domina, segna in apertura con Barone, e rischia addirittura di raddoppiare allo scadere, con il colpo di testa di Natali che dà continuità agli errori arbitrali. La palla viene respinta da Antonioli quando ha varcato la linea di porta; lo vedono tutti, salvo l’arbitro Rocchi, ed è la quarta volta che accade in stagione, dopo Bianchi a Udine, Rubin contro il Cagliari e Amoruso a Genova contro la Samp.

Walter Novellino è sbigottito, perché apre la sua seconda parentesi sulla panchina granata con una prestazione che, parole sue, “non so proprio come giudicare”. Ha ragione lui, visto che nel secondo tempo il Toro gioca meno di dieci minuti: il tempo di subire il gol del pareggio di Volpi (complice una deviazione decisiva di Pratali) e di andare ancora in vantaggio con Abate (grazie all’aiuto di Britos). Specchietto per le allodole, perché quel momento i granata in campo non ci sono più, poi arriva la valanga rossoblù ed è notte fonda. La tappa di Bologna è anche la cartina di tornasole di tutta la stagione: la difesa è un colabrodo (29 gol presi, saranno 61 a fine stagione) la squadra è terzultima, e vi resterà fino al traguardo.

Quel triste sabato sera il volto migliore del Torino è rappresentato dallo spicchio di Maratona itinerante: gli oltre 600 coraggiosi che hanno sconfitto freddo e nebbia pur di arrivare al Dall’Ara non credono ai loro occhi. Fino al 32’ del secondo tempo quando ne hanno abbastanza e voltano le spalle alla squadra che colleziona una figuraccia dietro l’altra, lasciando in anticipo lo stadio. Senza nemmeno sapere se sentirsi rabbiosi o desolati: perché nemmeno a loro era mai capitato di subire cinque gol in mezz’oretta.

Stadio Dall’Ara, sabato 13 dicembre 2008, ore 18
BOLOGNA-TORINO 5-2
MARCATORI:
pt 7′ Barone (T), st 3′ Aut.Pratali 48′ (B), 8′ Aut.Britos (T), 10′, 17′ 34′ rig. Di Vaio (B), 23′ rig. Bernacci (B).

BOLOGNA: Antonioli, Terzi, Moras, Britos, Lanna (37’ st Bombardini), Coelho (1’ st Volpi), Mingazzini, Mudingayi, Valiani, Marazzina (10’ st Bernacci), Di Vaio. All. Mihajlovic.
TORINO: Sereni, Colombo, Natali, Pratali, Pisano, Abate, Dzemaili, Barone (9’ st Saumel), Diana (15’ st Rubin), Bianchi (27’ st Stellone), Amoruso. All. Novellino.
ARBITRO: Rocchi di Firenze.
NOTE. Espulso: 33’ st Pratali. Ammoniti: Lanna, Barone, Pisano, Amoruso e Sereni. Spettatori 16.658

 

Condividi