Le pagelle di Roma-Torino

0
88

PADELLI 6: ancora una volta dimostra di essere in un buon periodo di forma. Nel primo tempo è bravo prima ad alzare sopra la traversa un tiro di Maincon, poi a deviare una conclusione di Nainggolan. Nella ripresa si mette in mostra con un provvidenziale anticipo di testa fuori dall’area su Salah. Sul gol di Manolas e sui due di Totti è invece incolpevole.

 

PERES 6.5: quando nel primo tempo recupera palla in difesa e parte in velocità sulla destra dribblando un paio di avversari, per qualche istante sembra di rivedere l’azione del gol nel derby d’andata dello scorso campionato. Anziché fare tutto da solo questa volta Peres decide di scaricare per un compagno (Martinez) e l’azione si conclude poi diversamente. Quando spinge sulla destra è comunque una costante spina nel fianco per la difesa avversaria.

 

MAKSIMOVIC 6: rispetto alle ultime partite giocate si vede un Makimovic in crescita, ma non è ancora quel giocatore a cui i tifosi granata sono abituati. Punito, per errore di Calvarese, in occasione del fallo che vede l’arbitro concedere il rigore.

 

GLIK 5.5: dei tre centrali del Torino è sicuramente il migliore, almeno fino a quando non entra in campo Totti. Poi, in seguito alla punizione di Pjanic, si perde il capitano giallorosso permettendogli di segnare la rete del 2-2

 

MORETTI 5: sulla sua prestazione pesa l’anticipo di testa di Manolas in occasione del gol dell’1-1. Il difensore giallorosso nell’occasione sovrasta l’epserto granata trovando poi l’angolino dove Padelli non ci può arrivare. Quella di stasera non è certo stata la miglior prestazione del numero 24.

 

SILVA 5.5: ancora una volta Ventura lo schiera sulla fascia sinistra e l’uruguaiano si adatta come può al ruolo. In fase difensiva la sua prestazione è buona mentre in fase offensiva è praticamente nullo. Nel finale del primo tempo Calvarese non giudica irregolare un suo netto fallo di mani in area per cui ci sarebbero gli estremi del rigore (st 18′ MOLINARO 6: quando entra in campo il Toro riesce a produrre qualche buona azione anche sulla fascia sinistra)

 

BASELLI 5.5: riesce a mostrare le proprie qualità solamente a tratti, come quando al 20′ serve splendidamente Belotti nell’area di rigore giallorossa. Nel secondo tempo, con la Roma che alza il proprio baricentro, finisce per spegnersi (st 27′ VIVES 5.5: non riesce a dare più sostanza al centrocampo granata)

 

GAZZI 5: nel primo tempo in campo lo si vede molto poco, nella ripresa, con la Roma che si porta maggiormente in avanti riesce a tratti ad emergere recuperando qualche pallone. Calvarese non segnala un suo fallo di mano in area sull’1-0 (st 49′ EDERA sv)

OBI 6.5: probabilmente la miglior partita del centrocampista nigeriano da quando indossa la maglia granata. Corre, lotta, recupera palloni e si propone in attacco con frequenza. Cerca anche la via del gol con alcune conclusioni specialmente nel primo tempo.

 

MARTINEZ 6.5: dopo tante occasioni sprecate, un po’ per sfortuna (vedi il diagonale terminato fuori di poco a Bologna al 90′) e un po’ per imprecisione sua (come il gol divorato al 93′ contro il Verona) finalmente è riuscito a sbloccarsi. Nel primo tempo aveva invece sbagliato un’ottima occasione sul risultato di 0-0,

 

BELOTTI 7: il copione a cui Belotti ha abituato i tifosi granata nelle ultime giornate si è ripetuto ancora una volta. Prima il Gallo si è procurato un calcio di rigore, poi lo ha realizzato. Esattamente come aveva fatto contro l’Inter prima e il Bologna poi. L’attaccante avrebbe potuto alzare la propria cresta anche qualche minuto prima, quando, con un po’ di fortuna in più, la sua bella conclusione dal limite sarebbe potuta terminare in rete anziché sul palo.

 

All. VENTURA 5.5: per ottanta minuti il suo Torino gestisce la partita in maniera perfetta, fino all’ingresso in campo di Totti che cambia completamente il corso della partita. La scelta di schierare Silva anziché Zappacosta sulla fascia non convince neanche questa volta. Incomprensibile anche la scelta di non mandare in campo subito una terza punta dopo il 3-2 considerando che il cronometro segnava già l’88’. Quando fa entrare Edera per Gazzi mancano solo trenta secondi, troppo pochi per poter sperare di evitare la sconfitta.

 

Arb. CALVARESE 4: per una volta le decisioni errate di Calvarese non danneggiano, anzi, favoriscono il Toro. Non concede due rigori nettissimi alla Roma sullo 0-1 e concede poi quello meno evidente sul 2-2.

Condividi