Sì, Ventura, è il tuo Toro: perché le “riserve” hanno fame

0
30

Allora è vero che un altro Toro è possibile. È vero che le alternative, le cosiddette “riserve”, motivate nella maniera giusta sono in grado di trasformare un pomeriggio di fine aprile qualunque in qualcosa da ricordare. E in qualcosa di cui andare comunque fieri: perché non capita tutti i giorni di andare a Udine e passeggiare sulla squadra friulana, di fare cinque gol a quella che fino a qualche tempo fa era – almeno in trasferta – la bestia nera dell’era Cairo.

 

Il risultato ottenuto contro l’Udinese non può cancellare una stagione maledetta, quella del rammarico, come l’ha definita Ventura. E a proposito di rammarico, una dose in più è stata servita dai protagonisti di ieri, quelli del Toro ‘B’: Jansson, Silva, Zappacosta, anche lo stesso Martinez, quest’ultimo per tutta la stagione spettatore, talvolta chiamato in causa ma mai decisivo e riscopertosi bomber nelle ultime gare, quando la necessità lo ha reso titolare. Il Toro B funziona perché ha fame: perché Jansson vuole dimostrare di poter insidiare Glik, perché Silva vuole far bene nel suo ruolo e perché Zappacosta forse è stufo di panchine su panchine.

 

Quando Ventura dice di aver ritrovato il suo Toro non ha torto: perché la squadra che negli ultimi anni è arrivata a giocarsi l’Europa aveva in comune con quella di ieri proprio una fame e una voglia di emergere che col tempo è venuta meno. La fame che ha portato, per esempio, Glik a diventare uno dei difensori più ricercati d’Europa la scorsa estate, Maksimovic ad essere oggetto dei desideri del Napoli. E prima di loro Cerci Immobile, Darmian. Gli obiettivi personali dei giocatori meno conosciuti, sommati alle annate esaltanti di alcuni veterani hanno portato il Toro a lottare per due anni, con alterne fortune, per raggiungere un obiettivo comune. Ed è quello che è mancato quest’anno, quello che ieri – pur contro una squadra a tratti inguardabile – ha fatto la differenza. Non è la svolta, è tardi. Ma deve diventare un punto di partenza per il futuro.  

 

Clicca qui per vedere gli highlights della partita:

 

 

 



 

Condividi