3 maggio 1949: Benfica-Torino, l’ultima gara degli Invincibili

0
199

3 maggio 1949. Il Torino, il Grande Torino, è in Portogallo, dove proprio alle 18.00 scendeva in campo per l’ultima volta, per affrontare in amichevole il Benfica. Una partita che Valentino Mazzola aveva promesso, e che nonostante una brutta influenza che lo aveva fermato qualche giorno prima, viene comunque giocata. Per onorare i patti, per rispetto alla parola presa. Perché vedere gli Invicibili, in Italia come fuori, è sempre stato uno spettacolo.

 

E quella partita fu effettivamente uno spettacolo, sotto vari aspetti. Di pubblico, innanzitutto, perché uno stadio riempito con 40mila persone, per un’amichevole, non è certamente cosa da poco. Di calcio, poi, perché quel Torino era davvero una potenza planetaria a livello di gioco espresso e di gol. E diede battaglia, senza esclusione di colpi, pur uscendo sconfitto. La gara si disputa a viso aperto, con i granata che passano in vantaggio abbastanza presto, grazie a una rete di Ossola al 9′ del primo tempo.

 

Gli avversari non restano a guardare, ribaltano il risultato e si portano sul 3-1. Poi segna Bongiorni, che in quel Torino non era titolare ma avrebbe potuto diventarlo presto, come erede di Gabetto, poi di nuovo il Benfica su rigore. Infine, Menti II. Finirà 4-3 per il Benfica e fu l’utlima volta, in assoluto, che gli Invincibili si trovarono a calcare un terreno di gioco. Le lacrime, poco meno di 24 ore dopo, furono tantissime. E si rinnovano, anno dopo anno, decennio dopo decennio. Segno che una tragedia come quella segni davvero tanto, e vada ben oltre una semplice partita di pallone.

 

***

 

BENFICA-TORINO 4-3

 

Marcatori: pt 9′ Ossola, 23′ e 39′ Melao, 33′ Arsenio, 37′ Bongiorni; st 40′ rig. Rogerio, 44′ Menti II.

 

Benfica: Contreros (Machado), Jacinto, Fernandes, Morira, Felix, Ferreira, Corona (Batista), Arsenio, Espiritosanto (Julio), Melao, Rogerio.

 

Torino: Bagicalupo, Ballarin, Martelli, Grezar, Rigamonti, Castigliano (Fadini), Menti II, Loik, Gabetto (Bongiorni), Mazzola, Ossola. All. Erbstein

 

Arbitro: sig. Pearce (Inghilterra).

 

 

 

Condividi