Crotone, ritorno al passato: idea Alfred Gomis per la porta

0
166

Alfred Gomis e il Torino: un capitolo aperto, ma dai mille risvolti. È stato tra i migliori portieri del campionato cadetto, il giovane classe ’93, e se il Cesena è ancora in corsa per i playoff di Serie B molto deve al suo estremo difensore, che ha conquistato la titolarità a scapito di Agliardi dopo qualche partita di inizio campionato. È il terzo anno consecutivo che il fratello del più maturo Lys calca con successo i campi di Serie B: quest’anno in Romagna, l’anno scorso ad Avellino, prima ancora a Crotone, rivelazione di questo campionato cadetto, pronto a programmare per il campionato di Serie A.

 

E proprio i calabresi potrebbero nuovamente costituire il futuro dell’estremo difensore, la cui permanenza in granata per il prossimo anno è tutt’altro che scontata: a Torino, infatti, c’è Padelli, e se l’ex Bari e Udinese non avrà offerte degne di nota, resterà all’ombra della Mole. L’intenzione di Gomis, però, è quella di continuare a giocare il più regolarmente possibile, e i granata, parimenti, non hanno alcun desiderio a deprezzare il cartellino di un talento che sono convinti di avere in squadra.

 

Se quindi spazio non dovesse esserci, ecco aperte nuovamente le porte per un prestito (difficilmente la cessione sarà a titolo definitivo), ma a un livello superiore, in Serie A. Ursino, ds del Crotone, è rimasto incantato da Alfred, che già conosceva, e dalla sua crescita che ha potuto verificare con mano quest’anno, con il giocatore alla corte del suo ex allenatore, Drago. L’idea dei rossoblu (che attualmente hanno Cordaz, 33 anni, come titolare) sarebbe quella di rimescolare le carte per la porta, e il pensiero di poter contare su un giovane emergente, affamato, e con voglia di emergere, alletta non poco. Piccoli sondaggi, per ora, nessuna offerta concreta: ma la possibilità che sulla scrivania di Cairo arrivi la proposta da parte dei calabresi è piuttosto fondata. Poi, spetterà al club, e al giocatore stesso, che per ora pensa a chiudere al meglio il campionato. Ma il calciomercato è alle porte e una piccola parte (non da protagonista, ma nemmeno da totale comprimario) è pronto a ritagliarsela. Come merita.

 

 

Condividi