Primavera, arriva il Cagliari: gara secca per continuare a sognare

0
106

Partita da dentro o fuori per il Torino di Moreno Longo. Dopo la delusione arrivata soltanto alla penultima giornata di campionato, i granata si ritrovano a dover lottare nei playoff per tentare l’accesso alla Final Eight, che decreterà il vincitore del prossimo campionato. Due squadre usciranno (su otto) da questa fase eliminatoria e meriteranno l’accesso alla parte finale del campionato 2015/2016. E il Torino vuole essere protagonista.

 

Domani al “don Mosso” di Venaria, alle 15.00, andrà di scena la sfida contro il Cagliari: una gara secca, contro la quinta classificata nel girone B, dove si dovrà andare fino ai rigori, se necessario, per capire chi disputerà la semifinale dalla quale uscirà una delle due squadre che potrà accedere alla Final Eight (il Toro, nel caso, dovrà incontrare la vincente tra Fiorentina e Chievo Verona). Una partita temibile, con le squadre concentratissime: da una parte c’è il Toro campione d’Italia che ha disputato un girone di ritorno straordinario, dall’altra il Cagliari di Max Canzi, che punta su un attacco rapido e tecnico per cercare di infilare la retroguardia granata (ci saranno Mantovani e Friedenlieb dal primo minuto). Osservato speciale sarà bomber Cortesi (17 reti per il classe ’97 arrivato a gennaio dal Como), che in inverno il Toro cercò di ingaggiare per rinforzare l’attacco spuntato a causa dei molteplici infortuni.

 

In casa granata, le notizie sono piuttosto buone, se si esclude l’infortunio dell’ultima ora per Maicol Origlio: il terzino ha subito una contusione in allenamento e non potrà essere convocato. Per il resto, tutti abili e arruolabili, per una delle tante finali che da qui, e si spera il più a lungo possibile, attenderanno le giovani stelline granata. L’attenzione, domani, sarà tutta rivolta a loro. L’impresa non è impossibile.

 

Condividi