Ventura: “Nazionale? Onorato, ma non c’è nulla di concreto”

0
122

Giemrpiero Ventura è un po’ l’uomo del momento. L’allenatore del Toro a Soriano del Cimino (Viterbo) ha oggi ritirato il prestigioso premio Calabrese. “Ne sono onorato” ha dichiarato il tecnico granata appena arrivato nella location della premiazione, “sono venuto qui per ritirare questo premio che è importante e mi gratifica. La Nazionale? Facciamo una cosa alla volta: il primo giugno ho una gara difficile (allude al matrimonio, ndr) e vediamo di interpretarla nel migliore dei modi. Essere accostato al club azzurro fa piacere, ma penso faccia piacere a qualsiasi allenatore italiano, direi solo banalità“.

 

E non vuole lasciare trapelare nulla circa il suo probabilissimo futuro come ct. Anzi, cerca di gettare acqua sul fuoco: “Non sono in grado di parlare di questo, perché è stato scritto di tutto e di più e concretamente non c’è nulla. Anzi, parleremmo del nulla, per questo non ha senso parlarne” dice, nonostante gli incontri con Tavecchio e Lippi ci siano stati, eccome, la scorsa settimana.

 

Infine, sempre sui canali di Tuttomercatoweb, Ventura lascia un piccolo elogio al Sassuolo: “sono in Europa, e i complimenti vanno a Di Francesco ma anche alla società. Non si va in Europa se alle spalle non c’è una società importante” commenta il tecnico del Toro.

 

 

Condividi