Toro, ecco l’Atalanta: l’avversario della Primavera nei quarti di finale

0
116

Secondo posto in classifica, 57 punti conquistati (uno in più di quelli ottenuti dal Toro nel suo girone) grazie a 17 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte, 53 gol fatti e 23 subiti. Sono questi i numeri che hanno permesso all’Atalanta di qualificarsi alla final-eight del campionato Primavera come miglior seconda e di essere quindi tra le quattro teste di serie. Un secondo posto conquistato alla penultima giornata di campionato – approfittando della sconfitta del Milan nel derby contro l’Inter – e difeso negli ultimi novanta minuti della regular season.

 

I ragazzi di Moreno Longo dovranno prestare particolare attenzione alle qualità di Tiziano Tulissi, capocanniere dell’Atalanta in campionato con 15 gol realizzati in 20 partite. Il Torino ha già affrontata l’Atalanta nei quarti di finale della final-eight di due anni fa, sempre in Emilia Romagna ma a Rimini e non a Modena. In quell’occasione i granata si imposero per 3-2 rimontando per due volte gli orobici: nerazzurri in vantaggio con Cavagna, pareggio di Coccolo, nuovo vantaggio bergamasco un minuto più tardi con Varano poi, nella ripresa, il 2-2 di Ientile a dieci minuti dalla fine e il definitivo 3-2 di Gyasi all’85’. L’unico protagonista di quella partita che ci sarà anche nella sfida di domenica prossima è il centrocampista nerazzurro Gabriel Lunetta, oltre ai due allenatori Longo e Bonacina. Lo scorso anno Torino e Atalanta si sono invece affrontate negli ottavi di finale del Torneo di Viareggio: a festeggiare furono i nerazzurri che, dopo il 2-2 dei tempi regolamentari, si imposero ai calci di rigore.

 

Torino-Atalanta si giocherà domenica alle 18.15 allo stadio Braglia di Modena, la vincente incontrerà in semifinale una tra Juventus e Empoli. Nel quarto di finale Mantovani e compagni potranno regolarmente contare sull’apporto in panchina di Moreno Longo, l’allenatore era stato allontanato dall’arbitro nei tempi supplementati della partita contro la Fiorentina ma ha ricevuto dal Giudice sportivo solamente un’ammonizione con diffida.

 

Condividi