Prcic aspetta una chiamata del Toro, ma Cairo prende tempo

0
120

Ancora valutazioni per Sanjin Prcic, e l’esito, per il centrocampista bosniaco, potrebbe non essere così favorevole in ottica granata. Il Torino infatti non ha ancora deciso se riscattare o meno il giocatore ora al Perugia ma in prestito dal Rennes alla cifra, pattuita la scorsa estate, di 1,8 milioni. Dopo aver trovato poco spazio con Ventura (che però non ha mancato di elogiarlo in allenamento, a più riprese), il centrocampista a gennaio si è trasferito alla corte di Bisoli, in Serie B, dove ha avuto l’occasione per mettersi, eccome, in mostra.

 

La dirigenza granata, però, non ha ancora avuto modo di parlare con l’entourage del giocatore, anche perché Mihajlovic, dal canto suo, non ha espresso un parere in un senso, come nell’altro. Cosa che fa pensare che, in questo momento, il riscatto di Prcic non sia prioritario. Insomma, il Toro non ha moltissimo tempo per riscattare il giocatore, e in questo momento le possibilità che possa restare, rispetto a quelle che possa dire addio ai colori granata, sono più basse.

 

E quale sarebbe, in questo caso, il futuro del giocatore? Il Perugia vorrebbe trattare con il Rennes, qualora non fosse più di proprietà granata, per tentare un nuovo accordo in prestito, ma con diritto di riscatto. Prcic in Umbria si è trovato bene, e vorrebbe poter proseguire la sua carriera in Italia. Come per Immobile, il Toro avrà tempo fino a fine giugno per riscattare il giocatore. Dopodiché, tornerà di proprietà del Rennes. Nelle prossime settimane si aspetta una mossa di Cairo, in una o nell’altra direzione. Per non lasciare giocatore e agenti in sospeso.

 

Condividi