Il Besiktas insiste per Glik: l’accordo è possibile

0
155

Kamil Glik è uno dei maggiori indiziati a lasciare il Torino. Il “fedelissimo” di Ventura e capitano granata, dopo cinque stagioni all’ombra della Mole è pronto a spiccare il volo verso altri lidi. Ci sono stati dei sondaggi dalla Germania (il Borussia su tutti), dall’Inghilterra (ma la retrocessione del Newcastle, la squadra più avanti di tutte sul giocatore, ha un po’ cambiato i piani), dalla Russia (Zenit) e, infine, dalla Turchia. Ultima ma solo perché in ordine sparso, giacché il Besiktas di Gunes vorrebbe proprio poter contare sul difensore polacco, che sta per cominciare la sua avventura agli Europei.

 

I dialoghi con l’entourage del giocatore si sono infittiti di recente, e un’intesa di massima è stata anche trovata: accordo di 4 anni a cifre superiori al milone di euro, più bonus. Non poca cosa, per il giocatore che a Torino sfiora ora, dopo il rinnovo arrivato lo scorso inverno, i 950mila euro. In più, all’ex Palermo viene offerta la possibilità di giocarsi la Champions League, una prospettiva affascinante.

 

Il gradimento di massima (da limare alcuni dettagli) da parte del giocatore c’è, e si sta ora lavorando con il club granata per affinare l’intesa. Orman, presidente della società turca, è intenzionato a offrire sei milioni di euro. Pochi, ancora, secondo Cairo, che inizialmente avrebbe voluto poter guadagnare 10 milioni di euro, ma che si accontenterebbe anche di 8, per mandare in porto l’operazione. C’è una distanza, sì, ma non sembra così incolmabile. E se agli Europei, Glik dovesse fare particolarmente bene, allora la richiesta cairota acquisirebbe maggior valore. La sensazione è che comunque prima del ritiro il difensore polacco avrà trovato la sua nuova destinazione. Con il Besiktas (che sta perfezionando l’acquisto di un’altra vecchia conoscenza italiana, Kolarov) ora in testa. E con una cessione, il mercato anche in entrata del Toro potrà finalmente decollare.

 

Condividi