Toro, con Mihajlovic cambia tutto: sprint e tattica per il nuovo corso

0
70

Allenatore nuovo, allenamenti nuovi. Cambierà tutto con Sinisa Mihajlovic, in bene o in peggio è solo da scoprire. Ma sicuramente, cambierà. Perché la settimana tipo con Giampiero Ventura era piuttosto nota ai tifosi granata, dopo cinque anni: un giorno di pausa dopo la partita (si intende quando non ci sono i turni infrasettimanali), il doppio allenamento solitamente al mercoledì e la tattica a partire da giovedì. Un lavoro preciso, metodico, che ha portato il Toro a dei risultati negli scorsi anni ma che ora verrà rivoluzionato.

 

Perché Mihajlovic preferisce valutare volta per volta, quasi giorno per giorno, il da farsi. Ad esempio, non è affatto detto che il giorno dopo la partita, il gruppo si riposi: spesso, infatti, l’allenatore serbo è solito chiamare subito a raccolta la squadra per vedere (questa sì, è la certezza) il video della gara appena disputata. Una mezza giornata a cercare di capire cosa è stato fatto bene e cosa si doveva migliorare, per poi impostare il lavoro della settimana. Dove la pausa può arrivare anche nel mezzo, senza rimanere particolarmente sorpresi.

 

Cambierà anche la scansione del lavoro: difficile che sia soltanto uno il giorno di doppio allenamento, ma chiaramente il lavoro, in questi casi, sarà un pochino più leggero. Al pomeriggio, spesso, l’allenatore fa svolgere allenamenti tattici con il pallone anche grazie all’ausilio del fidatissimo De Leo, che ha seguito il tecnico anche in questa nuova avventura granata. E se la squadra appare troppo svagata, la seduta può interrompersi anche prima (è già capitato), con una ripresa fissata al giorno successivo a orari però particolarmente faticosi, come le 8 del mattino.

 

Anche in ritiro, si lavorerà da subito sulla tattica: la giornata sarà spezzata in due fasi, con al mattino la parte atletica e al pomeriggio quella più tecnica, cosa che già, a onor del vero, si faceva con Ventura, ma soltanto dopo la prima settimana di lavori in quel di Bormio. Gli allenamenti, come ha anche dichiarato il mister, saranno poi quasi tutti a porte aperte, anche in periodo di eventuale contestazione. Un modo per instaurare un confronto costante e diretto con i tifosi, nella speranza che possa dare subito i suoi frutti. Sicuramente, all’inizio, porterà tanto entusiasmo derivato dalla molta curiosità. Il Toro cambia pelle anche durante la settimana, non soltanto durante il calciomercato. E la voglia di scoprire questo nuovo lavoro continua ad aumentare.

 

Condividi