Glik-Monaco: si attende la fumata bianca

0
166

Barreca c’è, Ljajic e Iago Falque quasi, Glik no: il capitano granata è ormai ad un passo dal Monaco. Il club del Principato ha sbaragliato la concorrenza dello Zenit San Pietroburgo, del Wolfsburg e soprattutto del Besiktas e ha ormai trovato l’accordo sia con il Torino che con il giocatore per il trasferimento.

Nelle intenzioni della società granata c’era quella di trattanere il difensore almeno fino alla fine dell’avventura all’Europeo della Polonia. Il Monaco ha però fretta di chiudere la trattativa, anche perché i biancorossi hanno già iniziato la preparazione in vista della prossima stagione e la dirigenza monegasca vuole poter concentrare tutte le proprie energie sugli altri obiettivi di mercato. Per questo motivo negli ultimi giorni i contatti tra le due società si sono intensificati, gli ultimi, avvenuti ieri dopo l’impegno di Glik nell’ottavo di finale contro la Svizzera, hanno avvicinato in maniera decisiva le parti: le due società hanno trovato un’intesa sulla base di 11 milioni di euro più bonus. Da limare ci sono solamente alcuni dettagli, che non dovrebbero però allungare i tempi della trattativa. Improbabile che il Toro possa ricavare di più dalla cessione di Glik, per questo motivo Cairo potrebbe convincersi a vendere il proprio capitano prima della fine dell’avventura a Euro 2016 della nazionale polacca.

Parte dei soldi ricavati dalla cessione di Glik verrebbero poi utilizzati per il mercato in entrata, in particolare per regalare a Mihajlovic i primi due colpi: Iago Falque e Adem Ljajic. Per i due attaccanti esterni, così come per Glik, gli affari si potrebbero concludere nei prossimi giorni, se non addirittura nelle prossime ore.

Condividi