Toro, l’Avellino rinuncia a Zaccagno: la spunta la Pro Vercelli

0
306

In casa Toro proseguono le manovre per “accasare” i giocatori della Primavera ritenuti pronti ad affrontare il calcio dei professionisti, necessario per accumulare esperienza. Ed è il caso dei classe ’97 di proprietà granata che nella prossima stagione si misureranno in B e Lega Pro.

L’ormai prossimo acquisto del portiere Radunovic, da parte dell’Avellino, rappresenta una spinta, probabilmente decisiva, verso il trasferimento di Andrea Zaccagno alla Pro Vercelli. Moreno Longo, dunque, dopo averlo allenato nella Primavera del Torino, potrà nuovamente contare sul portiere oggi in raduno con la Nazionale Under 19, per preparare i prossimi Europei di categoria.

 

Continuano i contatti anche sul fronte Simone Edera, l’altro gioiellino della Primavera cresciuto nel vivaio granata. Sul giocatore ci sono Spezia ed Avellino, anche se la proposta degli irpini sembra al momento non convincere pienamente l’entourage del classe ’97. Novità anche per quanto concerne Federico Zenuni, su cui si registrano le richieste di prestito da parte di Piacenza e Tuttocuoio, iscritte al campionato di Lega Pro. Il duello è tra Carpi e Trapani, invece, per aggiudicarsi il terzino destro Lorenzo Carissoni, per cui quindi si profila un’esperienza nel campionato cadetto, ritenuto una palestra importante nella crescita dei giovani.

 

Lega Pro all’orizzonte anche per Leonardo Candellone, su cui i sondaggi della Reggiana, sembrano aver fatto breccia con le richieste (soprattutto tecniche), mosse dal Toro. Una corretta programmazione passa anche attraverso la crescita dei giocatori del settore giovanile, su cui il Toro è deciso a puntare per il futuro.

 

 

 

Condividi