Emergenza attacco, anche Amauri a rischio: Rosso e Morra scalpitano

0
54

L’emergenza nell’attacco del Toro non accenna a placarsi. Al contrario, continua ad aumentare. Dopo Quagliarella e Maxi Lopez a fermarsi ora è Amauri. L’italo-brasiliano non era presenti ieri ad Alpignano, dove la squadra di Ventura ha superato con un agevole 10-0 la formazione locale, a causa di contrattura alla coscia che ha indotto lo staff granata a farlo restare ad allenarsi alla Sisport, nella speranza di poterlo recuperare per la gara contro il Cesena. È così che al fianco di Martinez si sono alternati i due attaccanti della Primavera Rosso e Morra. Se Amauri non ce la dovesse fare a smaltire l’infortunio entro domenica, contro i bianconeri di Di Carlo saranno i due giocatori classe ’95 a contendersi una maglia da titolare.

 

Contro l’Alpignano Ventura ha provato dal primo minuto Rosso, che domenica scorsa aveva fatto il suo esordio in serie A a San Siro contro il Milan. L’attaccante si è mosso bene, fornendo alcuni ottimi assist ai propri compagni di squadra, colpendo due legni e segnando anche un gol. Dopo aver rotto il ghiaccio alla Scala del calcio, contro il Cesena, all’Olimpico Rosso spera di poter arrivare a quota due presenze nel massimo campionato, per continuare quella favola a tinte granata iniziata undici anni fa quando per la prima volta ha indossato una maglia del Toro. Morra invece è alla ricerca dell’esordio assoluto in serie A. Come Rosso, anche il capocannoniere della Primavera contro l’Alpignano, quando ha fatto il suo ingresso in campo, ha dimostrato di un buon feeling con Martinez, segnando pure una doppietta. Nel caso Ventura dovesse concedergli spazio contro il Cesena, sarebbe il quarto Primavera a esordire in questa stagione (prima di lui Lescano, Graziano e appunto Rosso).

 

Oggi e domani le condizioni di Amauri verranno attentamente valutare dallo staff medico del Torino, nel frattempo i due attaccanti classe ’95 resteranno a disposizione di Ventura a lavorare per farsi trovare pronti per domenica nel caso ce ne fosse bisogno.

Condividi