Martinez-Honda, la partita della svolta

0
29

Mancano 180 minuti alla fine di un campionato che per Torino e Milan ha avuto tinte decisamente differenti. I granata hanno confermato quanto di buono fatto vedere nella stagione precedente, sfatando numerosi tabù, vincendo a Bilbao e tornando, dopo vent’anni, alla vittoria anche nel derby. Un anno da incorniciare a cui i granata potrebbero aggiungere un ulteriore tassello: la vittoria contro i rossoneri a San Siro, una vittoria che manca da decisamente troppo tempo. Per il Milan, invece, è stata un’annata con più ombre che luci, Inzaghi non è riuscito a raggiungere i risultati sperati e a centrare l’obiettivo Europa e per l’ambiente le soddisfazioni non sono state molte. Una vittoria nelle ultime partite di campionato, a partire da quella contro il Torino, potrebbe almeno far terminare la stagione a testa alta ai rossoneri. Ed è in questo quadro che si inseriscono i protagonisti del duello di questa settimana proposto da Toro.it: Josef Martinez, e Keisuke Honda.

 

Josef Martinez. Assenti Quagliarella e Maxi Lopez, stasera il giovane Martinez avrà un’ulteriore possibilità di dimostrare il suo reale valore. Arrivato a Torino nel mercato estivo, è stato presentato più volte come una delle migliori scommesse su cui puntare, soprattutto in ottica futura. Al venezuelano le doti tecniche di certo non mancano, così come non gli manca la fiducia di mister Ventura. La giovane età, la voglia di dimostrare a tutti che il Toro non ha sbagliato a puntare su di lui, lo rendono tuttavia ancora acerbo. La foga e la grinta che mette in campo ne fanno un buon lottatore ma lo portano spesso a commettere errori evitabili ed arrivare sotto porta poco lucido. Cresciuto notevolmente dal suo arrivo a Torino, soprattutto grazie agli insegnamenti di Giampiero Ventura, ha ampi margini di miglioramento, è sicuramente una delle più importanti promesse per il futuro e proprio questa sera potrà giocarsi tutte le sue carte trascinando i granata alla vittoria in quel di San Siro. Una vittoria che rappresenterebbe l’ennesimo tabù sfatato della stagione

 

Keisuke Honda. Se per Martinez la partita contro il Milan potrebbe rappresentare la vera svolta nella sua carriera in granata, la stessa possibilità l’avrà anche l’attaccante rossonero. Arrivato nel mercato invernale della scorsa stagione è stato presentato come la stella che avrebbe dovuto imprimere una svolta decisiva alla squadra milanese. Una svolta arrivata solo in parte. Su 14 presenze nella scorsa stagione ha messo a segno solo 1 rete, un trend che non si è alzato di molto quest’anno dove i gol segnati sono solo 6 in 27 presenze. È un giocatore sulla carta molto pericoloso, dotato di una buona velocità e una precisione e potenza nel tiro sia sotto porta sia da lontano, senza dimenticare l’abilità nei calci piazzati. In un anno e mezzo di Milan, tuttavia, complici anche gli alti e bassi di tutto il gruppo, non è riuscito a incidere in maniera definitiva e questa sera, esattamente come il suo avversario, avrà 90 minuti a disposizione per invertire la rotta. Per cambiare il rendimento suo e di un’intera squadra. 

Condividi