Padelli divide i tifosi ma convince Conte

0
155

Tra i venticinque giocatori che compongono la rosa del Torino, Daniele Padelli è sicuramente uno tra quelli che maggiormente divide i tifosi. C’è chi lo ama e chi no, chi lo vorrebbe titolare nel Toro anche nella prossima stagione e chi preferirebbe che la società acquistasse un altro estremo difensore. Sulle qualità di Padelli non ha invece dubbi il ct della Nazionale Antonio Conte che, per la seconda volta da quando è ct, ha deciso di inserirlo nel suo elenco dei convocati.

 

Era successo la prima volta all’inizio di questa stagione, per i primi impegni dell’Italia post Mondiale: l’amichevole contro l’Olanda e la gara valida per le qualificazione al prossimo Europeo contro la Norvegia. Quella convocazione non portò però fortuna a Padelli che, qualche settimana dopo complici alcuni errori decisivi come quelli commessi contro il Verona e il Cagliari, perse il posto da titolare con Ventura che gli preferì Gillet. È così che per alcuni mesi il numero 30 si è dovuto accontentare di giocare le partite del girone di Europa League, mentre in campionato è stato costretto alla panchina. Dopo la sosta natalizia Padelli è però tornato a guadagnarsi i gradi di portiere titolare. Da gennaio ad oggi ha inanellato una serie di buone prestazioni, risultando determinante anche contro le prime due della classe: la Roma e, soprattutto, la Juventus. Nel derby ha salvato il risultato, a pochi minuti dalla fine, con una splendida parata su un colpo di testa ravvicinato su Sturaro. Dopo quella partita però è arrivata anche l’errore più grande della sua avventura in granata: quel pallone svirgolato contro l’Empoli che il Toro ha pagato con una sconfitta ed una brusca frenata nella corsa all’Europa.

 

Conte, non potendo disporre del proprio portiere titolare, Buffon, impegnato nella finale di Champions League, ha comunque deciso di ripuntare sul guardiano della porta del Toro. È così che la colonia granata in Nazionale, composta già da Moretti e Darmian, si è ulteriormente rimpinguata.

Condividi