Peres: “Mio futuro? Ho la testa al Toro”

0
11

nostri inviati a Milano
Ivana Crocifisso /Emanuele Pastorella

 

Bruno Peres commenta in zona mista la sconfitta contro il Milan, e fa anche qualche ragionamento sul suo futuro a Torino. “È un peccato questa sconfitta, perché nel secondo tempo potevamo fare di più, solo che quel rigore e quell’espulsione ci hanno tagliato le gambe. La superiorità numerica si è azzerata e loro hanno segnato, per noi è diventato difficile riuscire a fare qualcosa. Peccato, ripeto, ma adesso dobbiamo concentrarci sulla prossima partita e cercare i tre punti per chiudere bene la stagione. Quando giochi contro una grande devi sbagliare pochissimo, se sbagli un pochettino di più la paghi. Oggi è stato così“.

 

Ottenere i tre punti con il Cesena e poi “e poi pensare alla prossima stagione, a iniziare meglio il campionato per fare più punti e centrare l’obiettivo“. Non sono parole di un giocatore in procinto di partire: “io voglio restare, non posso dire che andrl via, ho quattro anni di contratto, e comunque prima di tutto deve finire la stagione. Io ho la testa al Toro, poi andrò in Brasile a riposarmi un po’ e staccare la spina, per poi tornare nuovamente con la testa al Toro. Devo lavorare per disputare un anno migliore di questo. Rinnovo? Non ne abbiamo ancora parlato, ma prima, ripeto, deve finire la stagione. Io e il mio manager siamo d’accordo: prima il calcio e la testa al campionato, poi penseremo al resto“.

 

Condividi