Top&Flop di Torino-Chievo Verona

0
11

All’Olimpico il Toro è tornato al successo dopo le sconfitte contro Genoa e Empoli. Un successo che permette ai granata di poter sperare ancora nell’Europa League, visti gli scivoloni di Sampdoria e Inter. L’assoluto protagonista del match è stato Maxi Lopez autore di una doppietta, la prima in campionato con la maglia del Toro, dopo quella inflitta in Europa League all’Athletic Bilbao. Ecco i Top e Flop della partita di ieri.

 

TOP

 

La doppietta di Maxi Lopez: otto gol con la maglia granata in campionato, prima doppietta in Serie A con il Toro. Maxi Lopez è ad un solo gol dalla doppia cifra (una rete con il Chievo a inizio stagione) e proprio contro la sua ex squadra ha trovato una prestazione di altissimo livello, che aumenta, se ci fossero stati mai dei dubbi, le sue possibilità di rinnovare con il Toro anche per la prossima stagione. L’argentino si è inserito alla perfezione nel gruppo e negli schemi di Ventura e, dopo aver regalato ai tifosi granata due splendide notti contro l’Athletic, è pronto a fare la differenza in questo finale di stagione.

 

La personalità di Gaston Silva: l’uruguaiano non ha avuto tanti spazi per mettere in mostra le sue qualità, vista la grande concorrenza nel reparto difensivo. Nel ruolo di terzo sinistro di difesa (come vice-Moretti) è stato spesso impreciso e confusionario, ma ieri, nella posizione di esterno sinistro, ha sfoderato una prestazione di grande personalità e qualità. A coronare l’ottima giornata, un tiro da 40 metri che stava per sorprendere Bardi. Il portiere clivense si è salvato solo grazie all’aiuto della traversa. A poche settimane dalla fine del campionato e dall’inizio del calciomercato, Silva ha dato chiari sergnali a Ventura e alla società.

 

Il doppio assist di Maksimovic: dopo due partite deludenti, finalmente il difensore serbo è tornato sui suoi livelli. Il Chievo ha fatto poco o nulla per impensierire la retroguardia granata, ma Maksimovic si è imposto con grande personalità ed è stato decisivo anche in entrambi i gol: prima con un pallone scodellato in mezzo all’area piccola in cui si è avventato Maxi Lopez, poi con un bel lancio lungo per dare campo libero allo stesso attaccante argentino e propiziare così il 2-0. Unica pecca il cartellino giallo che lo costringerà a saltare la partita contro il Milan.

 

L’accoglienza riservata a Meggiorini: Applausi alla lettura delle formazioni, durante la partita e dopo. Questa l’accoglienza riservata dai tifosi granata all’ex, protagonista della promozione dalla Serie B alla A e nelle prime due stagioni nella massima serie del ciclo Ventura. Pochissimi i gol di Meggiorini con il Toro, ma tanto sudore, tanta corsa e soprattutto grandissimo rispetto e affetto per la maglia granata. Proprio questo ha spinto i supporter a applaudire il giocatore, nonostante le difficoltà di questi anni. Un grande geesto di riconoscenza che va oltre il giudizio legato alle qualità tecniche dell’attaccante.

 

FLOP

 

La scarsa propositività Chievo: nonostante una salvezza acquisita in anticipo, il Chievo non ha voluto approfittare dell’assenza di pressioni per sfoderare una prova di coraggio. I clivensi hanno cercato di addormentare la partita sin dai primi minuti dimostrando di accontentarsi anche di un pareggio. Se il Toro non avesse avuto le forze fisiche e mentali per cercare con continuità la via del gol, la partita sarebbe stata noiosa e soporifera. Il merito va quindi tutto alla squadra granata, il demerito all’atteggiamento eccesivamente difensivo del Chievo. 

Condividi