Toro, con Acquah congelati Ekdal e Kurtic. In attesa di Benassi

0
30

Con l’acquisto Acquah, il Toro sistema una buona parte del suo centrocampo. Posto che i granata sperano sempre di riuscire a trovare l’accordo per Benassi e El Kaddouri (non si registrano particolari novità, la prossima settimana sarà giocoforza decisiva, e ogni scenario è a oggi davvero possibile), l’arrivo del giocatore ex Palermo, Parma e Hoffenheim permette a Ventura di avere un elemento poliedrico, da utilizzare in più posizioni. Principalmente, Acquah arriva come mezzala destra, data l’abilità negli inserimenti – che molto male fecero al Toro, due anni fa, quando giocava nel Parma -, ma all’occorrenza, Acquah può bene giostrare anche come centrale di centrocampo, davanti alla difesa, per sfruttare le doti fisiche.

 

Un giocatore prezioso, per Ventura, che già aveva avallato l’operazione lo scorso gennaio, quando il Toro lo seguì davvero con molta insistenza. Un giocatore il cui arrivo, di fatto, porta a raffreddare molte altre piste, tenute in caldo nelle ultime settimane, da Petrachi. Su tutti, Ekdal e Kurtic, due giocatori per i quali le porte ora non sono chiuse, ma semichiuse, proprio perché, se dovesse saltare soprattutto l’operazione legata a Benassi con l’Inter, il Toro dovrà andare alla ricerca di un nuovo elemento per quel settore del campo.

 

In particolare, sembra sempre più difficile però arrivare al centrocampista del Cagliari, che è fortemente tentato dal Palermo in Italia e dal Trabzonspor all’estero: sono piuttosto ridotte le possibilità di vederlo in granata, per la prossima stagione. Discorso diverso, invece, per lo sloveno, che piace molto anche al Chievo. Il Toro è pronto a far ripartire l’assalto, ma solo dopo aver definito il futuro di Benassi.

 

Resta poi da scoprire il nome del metodista che vestirà la maglia granata il prossimo anno: Valdifiori è diviso tra Napoli e Torino (l’Empoli fa pressioni, però, affinché accetti la destinazione partenopea, avendo già l’accordo con De Laurentiis), mentre sempre seguiti restano Viviani e, decisamente più defilato, Cigarini. Oltre alle eventuali piste estere (come Lucas Romero), che però vengono considerate alternative a un giocatore titolare. I tasselli stanno però iniziando a trovare la loro collocazione.

 

Condividi