Bresciani: arrestato l’ex Toro per truffa e turbativa d’asta

3
1983
bresciani

Il provvedimento è scattato in seguito a un’inchiesta a Imperia sulla vendita di un palazzo del Comune. Il legale: “Provvedimento folle e spropositato”

Guai seri in vista per Giorgio Bresciani. L’ex calciatore di, fra le altre, Toro e Bologna è stato arrestato nella giornata di ieri dalla Guardia di Finanza in seguito a un’inchiesta portata avanti dalla Procura di Imperia sfociata in nove indagati e cinque arresti. Le indagini riguardavano un immobile del comune di Ventimiglia Civitas, venduto sotto costo: le accuse che riguardano Bresciani sono di turbativa d’asta e truffa.

Secondo la GdF, infatti, la vendita sarebbe stata portata avanti sulle basi di una falsa perizia, firmata da un geometra toscano senza mai aver visitato davvero l’immobile, operazione che ha permesso al liquidatore di vendere a prezzo più basso la casa e giustificare così un’uscita di circa 312mila euro per varie consulenze.

Bresciani, secondo le indagini, risulta coinvolto per aver contribuito a creare la Edil Roma, società fittizia con sede nella Capitale, che avrebbe avuto il compito di stilare questa falsa perizia. “È un’assurdità” ha commentato il legale di Bresciani, Recchia: “Il mio assistito è tranquillo, non ha creato la Edil Roma ma ci collaborava da anni, essendo impegnato nel settore immobiliare. Per questo motivo il provvedimento ci pare ingiusto e spropositato“. Proprio di recente, Bresciani era stato scagionato da una vecchia inchiesta del 2008 per una sospetta frode all’UE, che lo aveva portato agli arresti domiciliari.

Condividi

3 Commenti

  1. Ammazza, ne è passata di acqua sotto i ponti da quando era, ai tempi della foto, fidanzato con la ragazza dell’edicola prima del Filadelfia, davanti alla dogana! Anche Ventimiglia non è più la stessa, da quando ha cambiato nome in Ventimiglia Civitas!