Cairo, ultimo rilancio per RCS: “Mi sono svenato”

17
1432
Cairo

Il presidente del Torino alza il valore della proposta per acquisire il polo editoriale, in cambio di azioni della Cairo Communication. Venerdì il verdetto

Meno una settimana. È la dead line imposta dal mercato, e non dall’acquirente, non per acquistare giocatori, bensì il noto polo editoriale di RCS, che Urbano Cairo ha più volte dichiarato di voler rilevare per rilanciare, dopo anni di profonda crisi. Ieri, a pochi minuti dal termine per poter presentare un ultimo e definitivo rilancio, l’imprenditore alessandrino ha alzato la valutazione delle azioni di RCS (da 0,17 a 0,18 punti rispetto a quelle di Cairo Communication, che offre in cambio) oltre un’ulteriore promessa di esborso di denaro di 25 centesimi per azione per tutti i soci che decideranno di aderire all’offerta.

Di fatto, la nuova valutazione che Cairo dà alle azioni RCS supera l’euro, a differenza degli 80 centesimi a cui si è fermato Bonomi, concorrente nella corsa all’acquisto del gruppo che comprende quotidiani come Il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport. Cosa accadrà ora? Come si diceva, il termine è scaduto, quando mancano meno di cinque giorni lavorativi alla validità delle due offerte, di Cairo e di Bonomi, fissata per il 15 di luglio.

La palla ora passa agli investitori, e a chi dare fiducia. All’Ansa, Cairo non nasconde di aver compiuto un grande sacrificio per alzare l’offerta ancora: “mi sono svenato e ho dato l’anima” ha commentato il patron del Toro, “e abbiamo pronto un piano che potrà dare una svolta alla Rizzoli. Il mercato credeva molto nel progetto, penso che possa apprezzare questo passo. Voleva che mettessi cassa, sono sceso in campo con la cassa“. Ora non resta che aspettare, dopo aver ricevuto il benestare da parte dell’Antitrust a entrambe le offerte. Oltre a Ljajic, Cairo porta avanti un’altra trattativa estenuante, piena di rilanci e rialzi. La sua speranza, è di riuscire a chiudere positivamente entrambe.

 

Condividi

17 Commenti

  1. Il nostro mercato latita, purtroppo, è questo è un dato di fatto che fa incazzare anche me; continuo a pensare, e sperare, che sia dovuto anche, o almeno in parte, a questa trattativa cairota per RCS che, continuo a credere, se andasse in porto non ci porterebbe che peso politico su carta stampata e in lega per sua conseguenza.
    Al contrario il fallimento di questa potrebbe destinare Cairo, e il Toro, all’angolo sui giornali e in lega a vantaggio di Della Valle che già ha un club di spicco e andrebbe a ritagliarsi ancora più spazio proprio a danno nostro che ambiamo al ruolo di outsider.
    Io tifo per Cairo almeno fino al 15 di Luglio, poi se ci sarà da incazzarsi ci sarò, come sempre.
    E come troppe volte, prima di Cairo, abbiamo visto e dovuto fare, purtroppo.
    “Not Forgotten” ( Indimenticabile ) Cit. Mississippi Burning nella scena finale…e che la pietra tombale non sia la nostra….

  2. Un saluto a tutti, sono un nuovo utente ,eheheheheh, il guaio piu’ grande e’ che Cairo ha tantissimi consensi e ancor peggio , c’ e’ chi pensa che piu’ grana guadagna, piu’ il Toro ne trarra’ beneficio .Illusi.

  3. Il NANO , si sta svenando , e sta dando l’anima per Rcs . Non solo , ha anche pronto un piano ,un progetto per rilanciare il gruppo Rizzoli !!!! È qui dentro , c’è ancora chi lo definisce tirchio , o lo chiama Cairo Braccino , o che è senz’anima e cuore …………..