Aramu, prestito in vista: in A ci pensa di nuovo il Crotone

17
2354
aramu
CAMPO, 13.8.16, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, 3.0 turno di Coppa Italia, TORINO-PRO VERCELLI, nella foto: Mattia Aramu

L’attaccante granata potrebbe essere ceduto in inverno per trovare maggiore spazio e continuare a crescere. I calabresi hanno manifestato interesse

Non una bocciatura, anzi. Ma un’opportunità. Mattia Aramu sa che a Torino può giocarsi le sue carte per essere titolare e dire la sua con la maglia grazie alla quale ha potuto crescere come giovane calciatore. Ma, forse, i tempi non sono ancora del tutto maturi. A differenza di Antonio Barreca, infatti, il giocatore ha finora avuto molte meno possibilità di mettersi in mostra, per due motivi: davanti a lui c’è stata molta meno emergenza; ha bisogno di crescere ancora in personalità per poter davvero diventare un’arma in più, e non un “semplice” gregario all’interno della rosa a disposizione di Mihajlovic.

Un processo assolutamente normale, per un giocatore che vuole affermarsi e che ha le qualità per farlo. Ed è per questo che, a gennaio, si possono aprire le vie del prestito. Vero, il Toro andrebbe a perdere un elemento che non va a pesare sulla normativa Tavecchio a proposito della composizione delle rose; ma sarebbe una perdita tutto sommato sostenibile, a fronte del fatto che Aramu andrebbe a giocare con assoluta regolarità. In B, da protagonista; o in A, come alternativa ma con possibilità di impiego maggiori che in granata. E se in cadetteria, l’attaccante resta il sogno proibito della Pro Vercelli di Longo (operazione difficilissima, anche per comprensibili ambizioni personali), nella massima serie a farsi avanti è stato – di nuovo – il Crotone.

I calabresi, che pure stanno provando a intessere una trama di mercato per arrivare a Padelli, vorrebbero infatti potenziare il reparto offensivo, e non necessariamente con un giocatore esperto della categoria. Per salvarsi, oltre alla conoscenza della A, è necessaria tanta fame, voglia di emergere. Tutte caratteristiche che contraddistinguono Aramu e di cui, nel caso, il Crotone sarebbe ben disponibile a usufruire, anche solo in prestito secco. Un’ipotesi, per ora, come è naturale che sia. Ma anche in questo caso, il discorso può decollare, poco per volta, con il passare delle settimane. Intanto Aramu si allena, sperando in qualche altra occasione per mettersi in mostra, in campionato o in Coppa Italia. Magari contro quel Pisa che per lui avrebbe anche il sapore di un piccolissimo derby personale, vista l’esperienza dello scorso anno con il Livorno. In amaranto, nonostante la retrocessione, l’esperienza personale fu sicuramente molto stimolante, come potrebbe esserlo quella dei prossimi mesi. Uno scenario tutt’altro che improbabile.

Condividi

17 Commenti

  1. Valentino teniamo tutti famiglia però a volte mi chiedo se questi articoli te li pagano un tanto al chilo. Abbiamo una rosa ipertrofica con parecchi doppioni, basterebbero 20 giocatori portieri a parte, quindi è logico che qualcuno andrà via. A dicembre ci penseremo, adesso pensiamo a Palermo

  2. Martinez lo fa giocare sempre, poco da fare..mi ricorda i tempi di pileggi, altro scarsone che giocava spesso..aramu lo vedrei bene al Pescara, se deve andare via..anche io son d’accordo nel cedere il vinotinto,ma non sarà cosi

  3. È un giovane del nostro vivaio che porta la nostra maglia. Non vorrei mai vederlo andare altrove ma se chi deve fare il bene suo e del Toro dice che è meglio fare così. ..che si faccia ma non mi piace. Anche io terrei lui e sacrificherei Martinez.

  4. Martinez è un nazionale, gioca la coppa America e vale sicuramente più dei tre milioni pagati per comprarlo. Aramu non ha giocato quando mancavano quattro attaccanti, come farà a giocare con l’attacco che ci ritroviamo? Via in prestito, a crotone andrebbe benissimo.

    • Mi spiace, non sono d’accordo.
      Martinez ha dimostrato in ben 3 anni di inutili tentativi, di non essere minimamente all’altezza (e non parlo certo della sua statura)
      Il fatto che sia un nazionale, beh titolare o mezza riserva del Venezuela, se pensi che l’Italia gioca con Pellé. Fai le proporzioni…..
      Ma più di tutto i fatti: è veramente scarso scarso, molto più di Padelli come portiere. Barreto, ecco si, potrebbe essere paragonato a Barreto, forse un pó peggio. Via lui e teniamo ARAMU che è già stato in prestito; andasse via sarebbe definitivo e mi dispiacerebbe molto.

  5. Senza alcun dubbio Martinez via, ma chi se lo prende?
    Per lui spesi 3mln dallo Young Boys, che era meglio investire in noccioline .
    È una evidente forzatura dare via ARAMU, in prospettiva, se si continua a parlare di programmazione, non c’è paragone che tenga.
    Io spero sempre che nei suoi occasionali viaggi intercontinentali rimanga al check in è venga smarrito come un pacco. Tale è.

  6. Non ha senso darlo in prestito in B dove ha gia’ fatto 2 campionati o in A dove senza un diritto di riscatto non lo farebbero giocare come Parigini nel Chievo ,meglio dar via Martinez a gennaio e farlo giocare da noi.