Bovo, si scalda la pista Pescara: la trattativa entra nel vivo

6
1302

Il sondaggio di qualche tempo fa è diventato sempre più concreto. Per gli abruzzesi, alla ricerca di un centrale, il granata è tra le prime opzioni

Era nato come un semplice sondaggio, nulla di più. Ora, invece, è qualcosa di molto più concreto. Cesare Bovo e il Pescara sono tornati a sentirsi, di recente, per parlare di un trasferimento che, da qui al 31 agosto, potrà diventare realtà. Per il Torino, il numero 5 è stato inserito nella lista dei cedibili: non rientra nei piani di Mihajlovic che ha già diversi difensori centrali su cui contare per la retroguardia a quattro. L’ex Genoa figura di troppo, e il suo entourage è al lavoro per trovargli una sistemazione.

Con il Pescara, dopo il Frosinone (ma la B non è destinazione gradita), si era parlato subito dopo l’ufficialità di Ajeti, uno dei primissimi obiettivi di mercato degli abruzzesi, soffiato proprio dai granata. Bovo, nella lista dei centrali possibili da acquistare, era tra le prime, non primissime posizioni. Un’alternativa ad altri profili, che poco per volta, per obiettivi sfumati o trattative saltate, era salito in classifica.

I contatti sono stati riallacciati, e la partita si gioca non tanto tra le due società, quanto tra Pescara e, appunto, giocatore. Il Toro, dal canto suo, sa di non poter guadagnare da un giocatore ultratrentenne, che l’anno prossimo andrà in scadenza di contratto. Ma a Torino, Bovo guadagna quasi 600mila euro: davvero troppi per il club di Sebastiani, intenzionato a restare intorno ai 250mila per un paio di stagioni. Ci sarà da lavorare parecchio, e non si esclude la richiesta di una buonuscita da parte di Cairo, solitamente poco propenso a concederle.

La prossima settimana è previsto un contatto tra le parti, per capire meglio il da farsi. La sensazione è che, alla fine, Bovo saluterà il Torino. Il Pescara, attualmente, è in pole per accoglierlo.

Condividi

6 Commenti