Gyasi e Proia, addio al Toro: vanno alla Pistoiese

14
1071
gyasi e proia

I due giocatori salutano definitivamente il granata: gli arancioni comprano il cartellino di entrambi. Le strade con il club di Cairo si dividono

Una loro permanenza a Torino sarebbe stata davvero molto difficile, e alla fine si è optato per una cessione a titolo definitivo. Gyasi e Proia, rispettivamente attaccante classe ’94 e difensore classe ’96, sono stati ceduti dalla società di via Arcivescovado alla Pistoiese (che già ebbe lo scorso anno il difensore), che ha deciso di acquistare il loro cartellino.

Si taglia il cordone ombelicale con due prodotti del vivaio granata, giudicati ancora troppo acerbi per sfondare in Serie A. Gyasi e Proia hanno sottoscritto entrambi un contratto di due anni: l’attaccante e l’ex capitano della primavera granata cominciano quindi una nuova esperienza. Che non sarà più a Torino.

Condividi

14 Commenti

    • Questo potrebbe essere l’anno di Diop. Ci sono giocatori che hanno un po’ la testa pazza e maturano più tardi e Diop potrebbe essere fra questi. Se quest’anno segna una valangata di reti potrebbe diventare interessante per il futuro. E’ la sua ultima possibilita, ormai ha 23 anni.

  1. Urby secondo me ha voluto sfrondare un po’ per avere meno gente tra le balle, salvo cataclismi il prossimo anno sbolognerà Diop e qualche altro. Onestamente la Primavera è veramente lontana anni luce da un livello di calcio accettabile. Puoi tenere i “fenomeni” della categoria, da Parigini a Barreca, Gomis, Edera…ma tutti no. Due o tre per annata sono già molti, vuol dire che ogni 4 anni peschi tra la decina dei migliori quei 2 o 3 che possono stare in serie A. Di più francamente nel calcio attuale è impossibile, dato che trovi 21-23enni di belle speranze a parametro zero o a due spiccioli in giro per il mondo.

    • Credo che tirare fuori 3 prospetti da serie A sia già un grandissimo risultato. Ho stilato un piccolo elenco: Ferrini e Vieri 39, Rosato 43, Agroppi 44, Zaccarelli 51, Garella 55, Beruatto 57, Dossena 58, Ferri 59, Sclosa 61, Ezio Rossi 62, Benedetti e Francini 63, Comi e Cravero 64, Rambaudi, Brambati, Scienza e Osio 66, Lerda 67, Fuser e Venturin 68, Lentini, Sordo, Zago e Bresciani 69, Baggio e Carbone 71, Cois 72, Vieri 73, Sottil e Falcone 74, Mezzano 77, Comotto 78, Pellisier 79,Semioli 80, Balzaretti 81, Calaio 82, Quagliarella e Marchetti 83, Mantovani 84, Acquafresca 87, Ogbonna 88, Gomys 93, Aramu e Barreca 95, Parigini 96, Zaccagno, Edera e Carissoni 97. Notare il buco degli anni bui. Ne dimentico qualcuno?

  2. Ragazzi, tutto l’affetto possibile per gli usciti dalla Primavera: ma se faticano a trovare un posto in LegaPro, di cosa vogliamo parlare?? avete paura che tra x anni diventino campioni e “cazzo era nostro!!”?
    Suvvia, un po’ di concretezza..ho letto di gente negli anni passati che si sarebbe suicidata perchè non abbiamo dato chance ai vari Gatto, Diarra, Paolo Rossi, Pagliuchi, Vita, Fusseini, Piroli, Danza..ecc…

    • Per quanto riguarda Vita aspetterei ancora un po’. Ci sono due casi ecclatanti di giocatori ceduti quasi gratis troppo presto e che poi hanno sfondato e sono Vieri e Pellisier. Anche Marchetti per certi versi. Altri francamente non ne ricordo.

  3. Mi spiace x Gyasi, mi sarebbe piaciuto gli venisse data un’altra chance, mi sembra che sia cambiato l’orientamento della società sui giovani, ora vengono liberati più velocemente, vedi Mantovani, Morra etc